Benvenuti nel sito dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Sez. Prov.le di Frosinone – "ONLUS"
 home
    cerca
    mappa
 
Oggi:
L'associazione
Organigramma
Dove siamo
La nostra Storia
Comitati
Scopi e finalità
Servizi
Accompagnamento
Consulenza Scolastica
Libri
Legislazione
Assistenza pensionistica e fiscale
Anziani
Lavoro
Enti Collegati
U.Ni.Vo.C.
I.Ri.Fo.R.
A.S.D.
Stamperia Braille
Prevenzione Cecità
Siti Consigliati
Tiflologia
Ausili
Comunicati
Avvisi
Iscriviti alla Mailing List
Servizio Civile
Progetti
I nostro Volontari
Immagini
Mostra Tiflotecnica
Momenti belli
Versioni Precedenti
UIC vers. 1.0
UIC vers. 2.0
UIC vers. 3.0
Sito web della Regione Lazio
Seguici su Facebook
Area Riservata
Entra
MODALITÀ DI PRESENTAZIONE ON-LINE DELLE DOMANDE DI CONGEDO LAVORATIVO


Si informa che l’INPS, con circolare n. 171 del 30.12.2011, ha fornito le istruzioni operative inerenti alle diverse modalità di presentazione on line della domanda di congedo lavorativo retribuito biennale per l’assistenza al familiare disabile in situazione di gravità. Si rammenta che il congedo straordinario, continuato o frazionato non superiore a due anni nell’arco della vita lavorativa, è disciplinato ai sensi dell’art. 80, comma 2, della legge n. 388/2000 e dell’art. 42 del decreto legislativo n. 151 del 2001; ne possono usufruire i genitori, i fratelli e le sorelle (cfr. Corte Cost. sentenza 233/2005), il coniuge (cfr. Corte Cost. sentenza 158/2007) ed i figli (cfr. Corte Cost. sentenza 19/2009).

Rimangono esclusi dal beneficio i lavoratori che, pur assistendo un familiare con handicap grave e convivendo con questi, non rientrano in una delle predette categorie. Ad esempio, nipoti, cugini, generi non possono richiedere la concessione dei due anni di permesso retribuito.

In caso di pluralità di figli in situazione di disabilità grave, il beneficio spetta per ciascun figlio sia pure nei limiti previsti dalle disposizioni della legge 104/1992 e tenendo conto che tali periodi di congedo straordinario rientrano nel limite massimo globale spettante a ciascun lavoratore di due anni di permesso per gravi e documentati motivi familiari.

Non è mai possibile per lo stesso lavoratore fruire del "raddoppio"; infatti un ulteriore periodo biennale per altri figli in situazione di disabilità grave è ipotizzabile solo per l’altro genitore (ovvero, nei casi previsti, per i fratelli o sorelle o il coniuge).

Il beneficio non è concedibile se la persona in situazione di disabilità grave da assistere presti, a sua volta, attività lavorativa nel periodo di godimento del congedo da parte degli aventi diritto. Ciò va inteso nel senso che il disabile può avere in essere un rapporto lavorativo, ma non deve prestare concretamente l’attività lavorativa nel periodo di godimento del congedo da parte degli aventi diritto.

Il beneficio è frazionabile a giorni interi.

I beneficiari vanno a percepire una indennità corrispondente all’ultima retribuzione, con riferimento alle voci fisse e continuative del trattamento (precisazione introdotta dal decreto n. 119/2011), per un importo massimo rivalutato anno per anno. Il periodo di congedo è coperto da contribuzione figurativa; i contributi figurativi accreditati sono utili ai fini sia del diritto che della misura di qualsiasi tipo di pensione (cfr. circolari INPS nn. 85/2002 ? punto 1 e 14/2007). Ciò premesso, si fa presente che, a partire dall’1.1.2012, la presentazione delle domande di congedo straordinario dovrà essere effettuata esclusivamente in via telematica, attraverso uno dei seguenti tre canali:



• WEB – servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto - servizio di “Invio OnLine di Domande di Prestazioni a Sostegno del Reddito”; 



• Patronati– attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi;



• Contact Center Multicanale – attraverso il numero verde 803164.



La documentazione eventualmente necessaria al riconoscimento del diritto alla prestazione richiesta, e non già in possesso dell’Istituto, contenente dati non autocertificabili, che deve essere allegata alla domanda, dovrà per il momento essere presentata in formato cartaceo alla Struttura INPS competente (allo sportello oppure spedita a mezzo posta), unitamente alla ricevuta dell’invio telematico della domanda.

Nella prima fase di attuazione del processo telematizzato, è concesso un periodo transitorio, fino al 29.2.2012, durante il quale le richieste di congedo straordinario inviate attraverso i canali tradizionali saranno considerate validamente presentate, ai fini degli effetti giuridici previsti dalla normativa in materia.

Alla scadenza del periodo transitorio i tre canali citati diventeranno esclusivi.

Si informa, infine, che con la necessaria gradualità in ragione della complessità del processo, in futuro l’Istituto provvederà ad estendere e potenziare i propri servizi telematici per la presentazione di altre tipologie di istanze (ad es. le domande di permesso ex lege 104/1992), versamenti, denunce, etc, mediante l’utilizzo dei sistemi telematici, ovvero della posta elettronica certificata INPS, riducendo tempi e costi di produzione.

Al fine di assicurare comunque l’accessibilità ai servizi, con particolare attenzione nei confronti di quei soggetti che si trovino in situazioni di debolezza o che non dispongano delle necessarie capacità o possibilità di interazione con l’INPS per via telematica, si ribadisce la disponibilità anche del canale telefonico, rappresentato dal Contact Center Integrato, n. 803164.


Torna all'Elenco delle Notizie
Ritorna all'Home Page
Torna su

UICI - Frosinone 
via M.T. Cicerone n°120  tel. 0775 270 781  fax 0775 270 536
Sito web realizzato con la collaborazione dell'Associazione Guidiamoci