Benvenuti nel sito dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Sez. Prov.le di Frosinone "ONLUS"
 home
    cerca
    mappa
 
Oggi:
L'associazione
Organigramma
Dove siamo
La nostra Storia
Comitati
Scopi e finalità
Servizi
Accompagnamento
Consulenza Scolastica
Libri
Legislazione
Assistenza pensionistica e fiscale
Anziani
Lavoro
Enti Collegati
U.Ni.Vo.C.
I.Ri.Fo.R.
A.S.D.
Stamperia Braille
Prevenzione Cecità
Siti Consigliati
Tiflologia
Ausili
Comunicati
Avvisi
Iscriviti alla Mailing List
Servizio Civile
Progetti
I nostro Volontari
Immagini
Mostra Tiflotecnica
Momenti belli
Versioni Precedenti
UIC vers. 1.0
UIC vers. 2.0
UIC vers. 3.0
Sito web della Regione Lazio
Seguici su Facebook
Area Riservata
Entra
SERVIZIO CIVILE
Durante questi mesi è proseguita con forza l'azione che l'U.I.C. sta portando avanti nei riguardi dell'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile Volontario, del Ministro per gli Affari Sociali e del Governo, affinché vengano definitivamente risolti i problemi connessi a questo Ufficio e ai servizi da questo erogati.

Ricorderete che le sedi dell'U.I.C. al livello nazionale, hanno subito un forte calo di assegnazione di volontari, per non parlare dei progetti per gli accompagnatori ad personam che non hanno avuto la continuità dovuta. Riporto come esempio il progetto scaduto nel mese di marzo che non ha visto partire la sua appropriata sostituzione se non a partire dal mese di luglio.

Nelle settimane scorse il nostro Presidente Nazionale, prof. Tommaso Daniele, ha incontrato il Primo Ministro, On. Romano Prodi, il quale ha dichiarato che gli impegni presi dal Governo con l'U.I.C. lo scorso anno, devono necessariamente essere onorati.

Le nostre richieste al Presidente del Consiglio, sono state essenzialmente due: la prima è che venga data priorità a quei progetti che impegnano i volontari nelle attività dedicate al settore sociale e in particolare in quei progetti che si attivano per migliorare l'assistenza alla persona. La seconda è che venga data continuità ai progetti di accompagnamento dei minorati della vista, meglio conosciuti come progetti AD PERSONAM previsti dall'art. 40 della legge 289/2002.

? opportuno, al fine di raggiungere questo traguardo, innalzare la quota dei volontari dedicati a questo servizio, dal 2 al 4%, ovvero dagli attuali 1000, ai 2000 annui, che sono la reale quantità necessaria.

Ora, tutti si domanderanno come mai la legge istitutiva del Servizio Civile Nazionale Volontario, all'inizio funzionasse cos? bene, mentre adesso i problemi ad essa legati non fanno che aumentare. Il motivo è semplice: a fronte dei 50.000 volontari impegnati annualmente su scala nazionale, in passato, le domande di richiesta del servizio erano minori rispetto ad oggi, che queste sono quasi il triplo dei posti messi a disposizione dall' U.N.S.C.

Il problema si è verificato sostanzialmente perché tutti gli enti e le associazioni, ivi comprese le cooperative, hanno proceduto all'accreditamento.

A nostro giudizio lo Stato pu? intervenire in due modi:

  1. aumentare le risorse a disposizione dell' Ufficio Nazionale per il Servizio Civile Volontario, al fine di coprire le esigenze di tutti i richiedenti;

  2. ridurre il numero degli enti limitando i progetti degli enti pubblici e verificando l'impiego reale che le cooperative fanno dei volontari richiesti.


Torna all'Elenco delle Notizie
Ritorna all'Home Page
Torna su

UICI - Frosinone 
via M.T. Cicerone n°120  tel. 0775 270 781  fax 0775 270 536
Sito web realizzato con la collaborazione dell'Associazione Guidiamoci