Benvenuti nel sito dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Sez. Prov.le di Frosinone – "ONLUS"
 home
    cerca
    mappa
 
Oggi:
L'associazione
Organigramma
Dove siamo
La nostra Storia
Comitati
Scopi e finalità
Servizi
Accompagnamento
Consulenza Scolastica
Libri
Legislazione
Assistenza pensionistica e fiscale
Anziani
Lavoro
Enti Collegati
U.Ni.Vo.C.
I.Ri.Fo.R.
A.S.D.
Stamperia Braille
Prevenzione Cecità
Siti Consigliati
Tiflologia
Ausili
Comunicati
Avvisi
Iscriviti alla Mailing List
Servizio Civile
Progetti
I nostro Volontari
Immagini
Mostra Tiflotecnica
Momenti belli
Versioni Precedenti
UIC vers. 1.0
UIC vers. 2.0
UIC vers. 3.0
Sito web della Regione Lazio
Seguici su Facebook
Area Riservata
Entra
OPUSCOLO INFORMATIVO “GIORNATA MONDIALE DELLA VISTA 9 OTTOBRE 2014”
Gentili lettori,
di seguito riportiamo alcune delle notizie presenti sull’opuscolo informativo della Giornata Mondiale della vista che si svolgerà il prossimo 9 Ottobre e alla quale la nostra Sezione UICI ha deciso di aderire portando in alcune scuole della provincia gratuitamente il materiale messo a disposizione dalla IAPB inerente l’iniziativa.

La vista è un bene prezioso: va tenuta sempre d’occhio.
La vista è un bene prezioso per questo è buona norma fare una visita di controllo dall’oculista anche perché alcune malattie oculari possono passare inosservate e, se non curate, causare nel tempo gravi problemi. La Giornata Mondiale della Vista viene celebrata ogni anno il secondo giovedì di ottobre dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità – IAPB Italia Onlus insieme all’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). È l’occasione migliore per pensare alla prevenzione: basta poco per mettersi al riparo dai rischi che corre la nostra vista.
Quest’anno la Giornata è dedicata ai giovani e alla guida sicura. La vista è un patrimonio inestimabile: circa l’80% di tutte le informazioni che giungono dall’ambiente al nostro cervello passano attraverso i nostri occhi. Per questo la pratica della prevenzione è ancora più importante.
L’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità – IAPB Italia Onlus è un organismo senza fine di lucro riconosciuto sia dallo Stato italiano che dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Programmi basati su controlli oculistici, attività di educazione sanitaria, campagne informative, ricerca scientifica e comunicazione sociale rappresentano gli strumenti messi in campo per creare una cultura della prevenzione e della riabilitazione visiva.
Difetti rifrattivi non corretti: anche quando può sembrare di vedere bene è importante fare una visita dall’oculista per verificare la salute degli occhi e l’eventuale presenza di difetti della vista. Quando si è giovani i principali difetti visivi sono la miopia (si vede sfocato da lontano e per mettere a fuoco si strizzano gli occhi), l’ipermetropia (se è lieve non dà sintomi particolari) e l’astigmatismo (l’occhio mette a fuoco con fatica e le immagini risultano un po’ allungate e i contorni sdoppiati). Se questi difetti non vengono individuati e non vengono prescritti occhiali o lenti a contatto, possono presentarsi una serie di fastidi come l’affaticamento oculare e lo sfocamento. A volte questi problemi visivi causano una diminuzione del rendimento scolastico.
La guida
Per quanto riguarda la guida, invece, almeno un automobilista su dieci non sa di avere problemi di vista, per cui, prima di iniziare a guidare lo scooter o la macchina, bisognerebbe fare una visita dall’oculista e attenersi scrupolosamente alle sue prescrizioni.
Guidare è un’azione dinamica in cui il fuoco delle immagini si sposta continuamente in avanti, il campo visivo si restringe e diventa più difficile percepire la profondità. Per queste ragioni, quando si guida, è importantissimo avere una vista ottimale, cioè una buona acuità visiva ovvero una “quantità di vista” adeguata, un campo visivo o “visione laterale” normale e una corretta percezione dei colori. Per garantire la propria sicurezza e quella degli altri occorre attenersi scrupolosamente alle prescrizioni dell’oculista. E’ buona norma indossare sempre durante la guida gli occhiali o lenti a contatto prescritti, in particolare quando le condizioni esterne sono più difficili (di notte) o riducono la visibilità (nebbia, pioggia, entrata ed uscita dalle gallerie, alba o tramonto). È consigliabile mettere occhiali con filtri polarizzati o lenti fotocromatiche perché l’abbigliamento intenso può creare una “cecità temporanea”. Più della metà degli incidenti stradali si deve a una vista non ottimale dei guidatori, che causa una guida distratta e indecisa. La lettura delle informazioni stradali diviene difficoltosa e i tempi di reazione si allungano. Rispettare sempre i limiti di velocità: premere troppo l’acceleratore significa anche ridurre la visione laterale e alterare la percezione delle distanze.
Avere un piccolo difetto come la discromatopsia porta a non definire alcuni colori (si può confondere, ad esempio, il blu con il verde), ma non significa essere daltonici (quindi, non distinguere il rosso dal verde) o non poter guidare. Comunque è importante essere informati. Per svelare la presenza di questo difetto, l’oculista utilizza un esame non invasivo (test di Ishahara), che consiste nel riconoscere dei numeri o un percorso a colori su uno sfondo colorato. E’ un test composto da 38 tavole che consente di valutare la capacità di percepire correttamente i colori. Consiste nel leggere dei numeri che tendono a confondersi con lo sfondo o, per i bambini, individuare dei percorsi colorati. Il test va somministrato dall’oculista che è in grado di interpretarne i risultati e diagnosticare le alterazioni nella percezione dei colori (come avviene per il daltonismo). Un altro tipo di test che aiuta è il Test duocromatico che consiste nel dover scegliere tra la lettera che si vede meglio su sfondi di colore diverso (rispettivamente rosso e verde). Se si vede meglio la E sul rosso la persona potrebbe essere miope, se si vede meglio la E sul verde potrebbe essere ipermetrope.
Una diagnosi tempestiva dei problemi oculari è sempre importante, quindi bisogna sottoporsi regolarmente a una visita oculistica già quando sei giovane.
Lenti a contatto
Prima di fare uso di lenti a contatto bisogna effettuare una visita dall’oculista, che verificherà se è possibile portarle e darà indicazioni e consiglio sul loro utilizzo.
Le norme per un corretto uso delle lenti a contatto sono:
• Lavarsi sempre bene le mani prima di indossarle e prima di rimuoverle;
• Non utilizzarle oltre i tempi consentiti;
• Non usarle in condizioni ambientali non idonee (mare, piscina, quando fai la doccia);
• Eseguire una manutenzione corretta con le apposite soluzione (mai sciacquarle con l’acqua di rubinetto né metterle in bocca per inumidirle);
• Conservarle correttamente nel portalenti, che va sostituito almeno una volta ogni 3 mesi;
• Eseguire controlli oculistici almeno una volta l’anno per verificare che il proprio occhio sopporti bene le lenti a contatto e che goda di buona salute.
Altrimenti:
• L’occhio potrebbe andare incontro a infezioni (cheratiti), a volte anche gravi, che possono compromettere la trasparenza della cornea, la membrana trasparente che, assieme ad altre parti dell’occhio, ci consente una visione ottimale;
• Potrebbero svilupparsi delle congiuntiviti, a volte anche molto violente, che possono impedire, temporaneamente o anche in maniera definitiva, l’utilizzo delle lenti a contatto.
Sport
Si ricorda che l’occhio è, dopo mani e piedi, la terza parte del corpo umano ad essere interessata dai traumi e che nel 30% dei casi si tratta di ragazzi con meno di 16 anni.
Gli sport più rischiosi sono il calcio o il calcetto, il basket e il tennis, oltre agli sport di combattimento (come la boxe e le arti marziali). Per questo motivo prima di dedicarsi all’attività sportiva, a livello professionale o dilettantistico, è consigliabile sempre effettuare anche una visita oculistica. L’oculista verifica non solo lo stato di salute dell’occhio, ma anche che non vi siano controindicazioni assolute alla pratica di alcuni sport (attività sportive che richiedono un impegno fisico eccessivo, sport di contatto). Inoltre può anche fornire dei consigli sugli accorgimenti da adottare (ad esempio non indossare le lenti a contatto mentre si nuota) e sul tipo di protezione da utilizzare per ridurre il rischio di trauma come, ad esempio, mascherine, lenti protettive ed occhialini graduati per il nuoto.
Occhio al sole
La luce è fondamentale per la vita sulla terra, ma livelli eccessivi di esposizione possono essere pericolosi anche per diverse strutture oculari come cornea, cristallino e retina. I problemi possono essere causati dai raggi ultravioletti se non vengono filtrati con occhiali da sole provvisti di lenti a norma di legge.
Cosa fare per evitare che il sole diventi pericoloso?
È importante indossare occhiali da sole con buone lenti sin da piccoli, soprattutto se si vive in zone molto esposte alla luce solare, se si trascorre tanto tempo all’aperto in condizioni di luminosità eccessiva e se si hanno gli occhi chiari. L’oculista, durante la visita, può riscontrare delle condizioni che suggeriscono un uso più costante degli occhiali da sole e può consigliare il tipo di lente più indicata.
Congiuntiviti
La congiuntivite è un’infiammazione della congiuntiva, una membrana sottile e trasparente che riveste la superficie anteriore dell’occhio e la parte interna delle palpebre. Può avere una base allergica, un’origine infettiva (batteri/virus) o può essere causata anche dall’uso delle lenti a contatto. È importante rispettare, in tutti i casi, le norme igieniche basilari (lavarsi le mani, evitare di stropicciarsi gli occhi, non scambiarsi le lenti a contatto). È opportuno recarsi dal medico oculista quando compaiono dei fastidi quali arrossamento oculare, lacrimazione, annebbiamento visivo, secrezione, prurito, gonfiore delle palpebre e senso di corpo estraneo o di sabbia negli occhi. L’oculista, se necessario, prescriverà il trattamento più idoneo (quasi sempre colliri).

Torna all'Elenco delle Notizie
Ritorna all'Home Page
Torna su

UICI - Frosinone 
via M.T. Cicerone n°120  tel. 0775 270 781  fax 0775 270 536
Sito web realizzato con la collaborazione dell'Associazione Guidiamoci