Benvenuti nel sito dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Sez. Prov.le di Frosinone – "ONLUS"
 home
    cerca
    mappa
 
Oggi:
L'associazione
Organigramma
Dove siamo
La nostra Storia
Comitati
Scopi e finalità
Servizi
Accompagnamento
Consulenza Scolastica
Libri
Legislazione
Assistenza pensionistica e fiscale
Anziani
Lavoro
Enti Collegati
U.Ni.Vo.C.
I.Ri.Fo.R.
A.S.D.
Stamperia Braille
Prevenzione Cecità
Siti Consigliati
Tiflologia
Ausili
Comunicati
Avvisi
Iscriviti alla Mailing List
Servizio Civile
Progetti
I nostro Volontari
Immagini
Mostra Tiflotecnica
Momenti belli
Versioni Precedenti
UIC vers. 1.0
UIC vers. 2.0
UIC vers. 3.0
Sito web della Regione Lazio
Seguici su Facebook
Area Riservata
Entra
LAVORATORI CIECHI, VITA DIFFICILE: IN CALO COSTANTE GLI IMPIEGHI TRADIZIONALI
Relazione al Parlamento sull'attuazione della legge 68/99. Nelle liste circa 2.000 persone non vedenti, nel 2013 ci sono stati appena 47 avviamenti. Cifre in calo anche per gli elenchi speciali: fra i centralinisti 86 avviamenti al lavoro nel corso dell'ultimo anno.

ROMA. Centralinisti in calo costante, masso fisioterapisti più unici che rari, avviamenti generali ai minimi termini. Non ci sono note positive per i non vedenti nella Relazione al Parlamento sullo stato di attuazione della legislazione per favorire il lavoro alle persone disabili: dati tutti in calo. I servizi provinciali hanno segnalato la presenza di 1.844 iscritti non vedenti nelle liste al 31 dicembre 2012 (0,3% del totale) e 1.954 nel 2013 (0,3%). Il numero più grande si trova al sud e nelle isole: sono il 46% di tutti i non vedenti nel 2012 e il 39% nel 2013.

Gli andamenti delle iscrizioni nel corso dell'anno, per questa specifica tipologia di persone con disabilità, segnalano 300 nuovi iscritti in Italia nel 2012, con un leggero incremento, fino a 318, nell'anno seguente. Le nuove iscrizioni (o reinscrizioni) hanno interessato principalmente il Nord ovest (107 non vedenti, pari al 36% del totale) e il Sud e isole (91 iscrizioni, pari al 35%) nel 2012. L'annualità successiva inverte le medesime due aree interessate come volume di nuove iscrizioni.

Gli avviamenti delle persone non vedenti riportati dai servizi competenti sono 83 nel 2012, di cui il 43% circa donne. Il tasso maggiore di avviamenti è nel Nord ovest (42,2%) con una percentuale di donne del 54%. Il numero di inserimenti lavorativi si riduce significativamente nel 2013, scendendo a 47 avviamenti complessivi, il 51% dei quali interessa le donne. Le sole regioni del Centro Italia mantengono valori analoghi per il biennio.

Al di là della legge 68/99, la legislazione attuale prevede la presenza di un collocamento obbligatorio per i centralinisti telefonici non vedenti, i massaggiatori e massofisioterapisti ciechi e i terapisti della riabilitazione non vedenti. All'Albo Professionale Nazionale dei centralinisti telefonici privi della vista, (legge 113/1985) erano iscritti - a fine 2012 - 1.154 persone non vedenti, di cui il 43% sono donne. Nel 2013 gli iscritti sono 1.191, di cui il 42% donne. I nuovi iscritti sono stati 310 nel 2012 e 372 nel 2013.

Il biennio riporta un numero di avviamenti di centralinisti telefonici non vedenti e qualifiche equipollenti inferiore rispetto alle due annualità precedenti. Se, infatti, i dati riferiti al periodo 2010-2011 dichiaravano un totale di 406 avviamenti (284 nel primo anno e 122 nel secondo), la cifra complessiva per il successivo biennio è di 189 totali, suddivisi in 103 nel 2012 e 86 nel 2013. Gli inserimenti hanno riguardato imprese dislocate prevalentemente nel Centro sud e la modalità di avviamento principale è costituita dalla chiamata numerica per entrambe le annualità.

I privi della vista in possesso del diploma di massaggiatore o di masso fisioterapista conseguito presso una scuola di massaggio o di massofisioterapia speciale per ciechi, autorizzata dal Ministero della sanità possono iscriversi all'Albo professionale nazionale e possono essere assunti nelle categoria protette da ospedali, case di cura, centri di riabilitazione. Nel biennio 2012 - 2013 sono stati segnalati 12 avviamenti lavorativi di massaggiatori, massofisioterapisti e terapisti della riabilitazione non vedenti, per la maggioranza uomini. La modalità di inserimento prevalente è la chiamata numerica (10 su 12).

Torna all'Elenco delle Notizie
Ritorna all'Home Page
Torna su

UICI - Frosinone 
via M.T. Cicerone n°120  tel. 0775 270 781  fax 0775 270 536
Sito web realizzato con la collaborazione dell'Associazione Guidiamoci