Benvenuti nel sito dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Sez. Prov.le di Frosinone – "ONLUS"
 home
    cerca
    mappa
 
Oggi:
L'associazione
Organigramma
Dove siamo
La nostra Storia
Comitati
Scopi e finalità
Servizi
Accompagnamento
Consulenza Scolastica
Libri
Legislazione
Assistenza pensionistica e fiscale
Anziani
Lavoro
Enti Collegati
U.Ni.Vo.C.
I.Ri.Fo.R.
A.S.D.
Stamperia Braille
Prevenzione Cecità
Siti Consigliati
Tiflologia
Ausili
Comunicati
Avvisi
Iscriviti alla Mailing List
Servizio Civile
Progetti
I nostro Volontari
Immagini
Mostra Tiflotecnica
Momenti belli
Versioni Precedenti
UIC vers. 1.0
UIC vers. 2.0
UIC vers. 3.0
Sito web della Regione Lazio
Seguici su Facebook
Area Riservata
Entra
RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ ANNO 2014
Gentilissimi soci, illustrissime autorità, carissimi amici e collaboratori il Consiglio Provinciale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus - Sezione Provinciale di Frosinone - riunitosi in data 20 Febbraio 2015, ha redatto e approvato la presente relazione sulle attività che oggi viene sottoposta al dibattito assembleare e alla Vostra approvazione. Il presente documento si arricchisce, come ogni anno, delle relazioni settoriali, quali quelle delle sedi di rappresentanza di Cassino, Sora e Anagni, dei comitati di settore, dell’I.Ri.Fo.R., dell’U.N.I.Vo.C., della Biblioteca Multimediale “Aurelio Nicolodi” e dell’Associazione Sportiva Dilettantistica “Ciociaria non Vedenti”.

Il documento si divide in 7 parti:
1. Introduzione
2. Analisi della situazione economica – sociale e problematiche in evidenza
3. Analisi della situazione pensionistica, lavorativa e legislativa
3.1 Situazione pensionistica
3.2 Situazione lavorativa
3.3 Situazione legislativa
4. Attività Associative
4.1 Istruzione
4.2 Assistenza specialistica nelle scuole
4.3 Attività ludico-ricreative
4.4 Prevenzione della cecità
4.5 Progetti
4.6 Attività di Patronato e C.A.F.
4.7 Nuove tecnologie
4.8 Rapporti con le Associazioni
4.9 Seminari e incontri
4.10 Attività varie
5. Relazioni settoriali
5.1 U.N.I.Vo.C.
5.2 Sede di Rappresentanza di Cassino
5.3 Sede di Rappresentanza di Sora
5.4 Sede di Rappresentanza di Anagni
5.5 Associazione Sportiva Dilettantistica “Ciociaria non Vedenti”
5.6 Centro Regionale S. Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi di Roma
5.7 Biblioteca Multimediale “Aurelio Nicolodi”
5.8 I.Ri.Fo.R.
6. Accompagnamento, Servizio Civile Volontario e Garanzia Giovani
7.Conclusioni

1. Introduzione
Il documento che stiamo presentando, come ogni anno in questa Assemblea, tende a descrivere in modo approfondito le attività realizzate e i problemi incontrati nel corso dell’anno, sia a livello locale che nazionale. Da questo scritto deve nascere un dibattito sia all’interno dell’U.I.C.I. sia con le Istituzioni per ricercare le migliori soluzioni e proseguire un dialogo che nel tempo sta diventando sempre più difficile. Durante la stesura di questo documento abbiamo avuto la forte tentazione di passare in rassegna il quinquennio che si va concludendo riportando le fasi salienti di questa Consiliatura che oggi si chiude. Tuttavia avremmo preso troppo spazio al dibattito quindi ci siamo soffermati solo sull’ultimo anno di attività ma è doveroso ringraziare tutti coloro che assieme al Consiglio Direttivo hanno collaborato fattivamente in quanto il nostro Direttivo è stato sempre aperto a ogni contributo dei soci che nel tempo hanno voluto realizzare iniziative e progetti in sintonia con la nostra azione. Per la nostra realtà la data odierna è importante per il futuro cambio di Presidenza che avverrà all’interno del Consiglio Direttivo che verrà eletto. Infatti l’attuale Presidente Cola Claudio dopo 21 anni di Presidenza lascia l’incarico per raggiunto limite di mandati. Lo stesso ha assicurato comunque la sua presenza all’interno dell’Organizzazione, mettendo a disposizione l’esperienza acquisita in un lasso di tempo mediamente importante. Il Consiglio provinciale uscente si fa interprete della base associativa nel ringraziare il Presidente uscente per la dedizione e l’impegno profuso in questi anni e per l’aver portato la nostra realtà associativa ad un buon livello. Questo è l’anno del XXIII Congresso Nazionale, infatti dopo le fasi provinciali vi saranno gli insediamenti dei nuovi Consigli Regionali e successivamente il Congresso Nazionale del sodalizio che si terrà nel mese di Novembre eleggerà il nuovo consiglio Nazionale e il Presidente della nostra Organizzazione.

2. Analisi della situazione economica – sociale e problematiche in evidenza
L’analisi economica che vogliamo rappresentare in questa relazione riveste motivo di preoccupazione in quanto risentiamo fortemente di alcuni fattori esterni che agiscono negativamente sulla tenuta dei conti della nostra Associazione che a fatica ha mantenuto uno standard nei servizi qualitativamente elevato ma che non potrà essere garantito ulteriormente se non vi sarà un’inversione di tendenza immediata. Ci riferiamo in particolar modo ai notevoli ritardi con cui tutte le amministrazioni pubbliche, nessuna esclusa, liquidano le nostre spese effettuate per nostre spese e servizi a noi delegate, attraverso specifiche convenzioni. Passando ora ad una breve analisi della situazione sociale intesa come concetto di società allargato alla nostra Nazione non possiamo che registrare un peggioramento costante negli ultimi anni della qualità della vita e di un generale impoverimento delle fasce più deboli e di quello che un tempo veniva denominato ceto medio. Volendo tornare nuovamente all’interno della nostra Unione possiamo affermare che vi sono state numerose situazioni di disagio sociale ed economico a cui si è dovuto far fronte. Questa circostanza è sintomatica di ciò che è avvenuto in quanto prima della crisi economica i casi di indigenza erano sporadici. Passando ora alle problematiche in evidenza che questo documento metterà in relazione con le attività realizzate, queste sostanzialmente sono conseguenza di quanto già scritto in questo paragrafo, ovvero la necessità di riadeguare le provvidenze economiche dell’Inps alle necessità reali delle famiglie, un rilancio urgente dell’occupazione lavorativa anche dei disabili nonché la garanzia di un reale diritto allo studio ed una vera integrazione scolastica. Crediamo che la società sia uscita impoverita culturalmente e in particolar modo per quanto concerne la sensibilità sociale e i diritti civili, in quanto soprattutto gli interlocutori dimostrano spesso insensibilità alle problematiche della nostra categoria.

3. Analisi della situazione pensionistica, lavorativa e legislativa
3.1 Situazione pensionistica
L’anno trascorso è stato sicuramente ricco di novità amministrative per le Commissioni di accertamento dell’invalidità civile. Infatti la AUSL ha cessato di avere le proprie, e tutte le competenze sono passate direttamente all’Inps con la costituzione di due commissioni per l’invalidità civile, a Frosinone e a Cassino, e della commissione unica provinciale per l’accertamento della cecità, a Frosinone. Abbiamo provveduto alla nomina dell’oculista effettivo e supplente di nostra competenza e partecipato ad una serie di incontri organizzativi per far sì che il passaggio dalla AUSL all’Inps fosse efficace e non comportasse problemi agli utenti. Cogliamo l’occasione per ringraziare la direttrice provinciale dell’Istituto e i suoi collaboratori che hanno prestato attenzione alle nostre richieste. Possiamo dire quindi che la sperimentazione fin qui realizzata per la nostra Provincia è stata positiva. I nostri uffici hanno potenziato, in collaborazione con il patronato CNA, la predisposizione del modello Ap 70 necessario per la liquidazione delle prestazioni economiche successive al riconoscimento sanitario della cecità o invalidità. Infatti lo scorso anno c’è stato un incremento notevole delle prestazioni liquidate dall’Inps predisposte e lavorate dai nostri uffici.
3.2 Situazione lavorativa
Sul fronte dell’occupazione non abbiamo da segnalare nuovi avviamenti al lavoro per i noti problemi dovuti all’occupazione in generale e in modo più specifico all’applicazione delle leggi speciali del collocamento obbligatorio che stanno perdendo via via di efficacia. Tale argomento è stato ampiamente fatto oggetto di dibattito all’interno del nostro sodalizio e vi sono proposte di riforma per la legge 113/85 e ricerche per l’applicazione del decreto Salvi sulle professioni equipollenti alla norma citata. Per quanto concerne il noto decreto Del Rio che ha trasformato le Amministrazioni provinciali in Enti di secondo livello cancellandone numerose competenze fra cui quella dell’assistenza alle disabilità sensoriali ci siamo trovati nella difficoltà oggettiva per il pagamento delle rette per coloro che frequentano i corsi professionali per centralinisti telefonici. Il problema attualmente è parzialmente risolto per un nostro iscritto ma in futuro c’è bisogno di un riordino della materia e di certezze che garantiscano il diritto ad una completa formazione lavorativa per i disabili visivi. Durante l’anno trascorso siamo dovuti intervenire su molte amministrazioni pubbliche per vigilare sulla corretta trasformazione dei centralini con i sistemi Voip che di fatto riducono l’occupazione del personale e ne chiedono un’adeguata formazione informatica per la gestione delle nuove apparecchiature. Il nostro intervento è stato utile sia per il riallocamento dei dipendenti sia per la richiesta di aggiornamento professionale rispetto alle nuove tecnologie. Si è dovuto inoltre vigilare sul fatto che le nuove suddette strutture di centralino siano accessibili ai minorati della vista con l’impiego delle periferiche speciali, dando suggerimenti che in alcuni casi purtroppo non sono stati pienamente accolti.

3.3 Situazione legislativa
Per quanto concerne le notizie inerenti la legislazione segnaliamo che l’applicazione del nuovo ISEE ha creato non pochi problemi di ordine pratico. Inoltre detto modello è stato contestato da tutte le associazioni dei disabili in quanto conteggia le indennità come un reddito per la fruizione e l’accesso ai servizi. Alcuni ricorsi quali ad esempio quelli del TAR del Lazio che sono stati parzialmente accolti hanno messo in discussione l’Indicatore della situazione economica equivalente. Passando ora alla nostra Regione segnaliamo che è ripreso il cammino della legge regionale di riordino della L.R. 36/96 in materia di assistenza sociale e servizi di cui da anni si sta attendendo la riforma. È stata inoltre presentata una proposta di legge che ci riguarda da vicino in quanto detterà i principi per le Ipab per la trasformazione di queste così come previsto dall’articolo 10 della legge 328/2000. Infine stiamo vigilando anche sulla norma di riordino delle competenze degli enti locali che la Regione dovrà promulgare a seguito della trasformazione delle province in enti di secondo livello.

4. Attività Associative
4.1 Istruzione
La situazione dei bambini e ragazzi frequentanti le scuole della Provincia di Frosinone, riflette la difficile condizione dell’integrazione scolastica a livello nazionale con insegnanti troppo spesso impreparati ad affrontare le molteplici esigenze delle diverse forme di disabilità visiva e con frequente presenza di diagnosi multipla a complicare ulteriormente il quadro generale. Diversi sono i casi di patologie degenerative che andrebbero affrontate favorendo l’apprendimento graduale del sistema di letto-scrittura Braille, metodologia non sempre accettata dalle scuole, per difficoltà organizzative varie, e dalle famiglie che non lo ritengono necessario o utile, impedendo, nel tempo, ai propri figli di vivere una vita autonoma. In virtù di quanto affermato in precedenza si può definire l’integrazione scolastica non propriamente ottimale. Un progetto educativo efficace prevede un lavoro sinergico tra scuola famiglia e UICI, che, nelle proprie specificità, devono garantire una adeguata collaborazione. L’integrazione scolastica degli alunni con diagnosi multipla appare essere caratterizzata dall’approssimazione negli interventi educativi, non sempre adeguati e lasciati alla professionalità dei singoli insegnanti. Soprattutto in questi casi l’intervento educativo-didattico andrebbe supportato dalla presenza costante e continua di personale altamente qualificato che lavori in sinergia soprattutto con operatori AUSL, scuola e famiglie al fine di sovvertire la falsa credenza che la gravità della diagnosi limiti la possibilità di interventi significativi. Nelle scuole un supporto tiflo-didattico è garantito dal Servizio di Assistenza Specialistica che però è spesso insufficiente per le esigue ore erogate; in famiglia il Servizio Post-scolastico, dovrebbe garantire il regolare svolgimento delle attività scolastiche nonché il raggiungimento dell’autonomia in ambiente domestico. Tali servizi rappresentano un’insostituibile risorsa, punto di riferimento per scuole e famiglie e collegamento indispensabile tra le diverse agenzie educative. Per questo motivo andrebbero supportati e incrementati garantendone la continuità negli anni e riconoscendo ad essi il rango di diritti acquisiti. Alle numerose richieste di consulenza Tiflo-pedagogica la Coordinatrice del Servizio di Assistenza Specialistica, Dott.ssa Alba Lisa Mazzocchia, insieme con i nostri esperti in sussidi tiflo-informatici hanno cercato di rispondere partecipando in diverse scuole ai G.L.H.O. (gruppo lavoro handicap operativi), suggerendo strumenti e metodologie specifiche.
Il comitato genitori è stato istituito presso la sede U.I.C.I. di Frosinone partendo dall’esigenza dell’imprescindibile partecipazione della famiglia negli interventi educativo-formativo-didattici dei bambini e dei ragazzi seguiti dai diversi servizi dell’U.I.C.I.. Purtroppo non sempre i genitori hanno avuto modo di incontrarsi, anche solo per un confronto costruttivo, probabilmente per una scarsa attitudine alla condivisione. Dovrà essere cura dell’U.I.C.I. sollecitare ulteriormente le famiglie a collaborare tra loro, a scambiarsi le esperienze, in modo da promuovere la completa accettazione delle problematiche dei propri figli e trovare risposte attraverso una sorta di apprendimento cooperativo. La non accettazione induce risposte patogene di iperprotezione e di reciprocazione del limite con conseguenze molto pericolose per i bambini che si vedono impedita la possibilità di crescere quanto più autonomamente possibile. In questo tipo di risposte inadeguate della famiglia, si cela la difficoltà di ammettere la necessità di intraprendere la letto-scrittura Braille per i propri figli con conseguenze davvero sgradevoli. Occorre far nascere nelle famiglie la consapevolezza che la partecipazione ad un gruppo non può che essere d’aiuto, in quanto, non è pensabile affrontare efficacemente le difficoltà che la disabilità visiva comporta con atteggiamenti di chiusura che generano difficoltà nell’accettare pienamente le problematiche dei propri figli.

4.2 Assistenza specialistica nelle scuole
Il servizio di Assistenza Specialistica rivolto agli alunni con disabilità visiva nelle scuole di ogni ordine e grado, nell’anno scolastico in corso, ha risentito fortemente del clima di incertezza e precarietà che lo ha caratterizzato a partire dai primi giorni. Nonostante le difficoltà iniziali, il Servizio di Assistenza Specialistica gestito dall’U.I.C.I., ha garantito un supporto educativo-didattico alle scuole, spesso impreparate ad affrontare la disabilità visiva. Numerose sono state le richieste di consulenza Tiflo-pedagogica che si sono dovute ottemperare da parte della Coordinatrice Dott.ssa Alba Lisa Mazzocchia, la quale si è recata in diverse scuole dove è stato necessario intervenire nei G.L.H.O. anche per suggerire strumenti e metodologie specifiche ai docenti spesso non pronti ad affrontare una disabilità così specifica. Per quanto concerne l’organizzazione del Servizio si è cercato di non effettuare nuovi abbinamenti utente-assistente privilegiando la continuità educativa così da agevolare una specifica progettazione educativa con obiettivi calibrati in funzione dell’età, dell’ordine e grado di scuola frequentato e della eventuale presenza di minorazioni aggiuntive al deficit visivo. Nella scuola dell’Infanzia e Primaria è stato curato particolarmente lo sviluppo senso-motorio. Nella scuola Secondaria di I e II grado, rispettando la specificità delle scuole, si è cercato di facilitare la fruizione delle materie tecnico-scientifiche incrementando, dove possibile, l’autonomia degli studenti nell’utilizzo dei sussidi tiflo-informatici. Rimane da affrontare la sempre più numerosa presenza di alunni con diagnosi multipla, attualmente esclusi dal servizio di Assistenza Specialistica, e per i quali si rende necessaria una forma alternativa di intervento. Dal punto di vista organizzativo l’U.I.C.I. ha proceduto a soddisfare le richieste di 3 alunni aventi problematiche visive, ma esclusi dal servizio erogato attraverso l’Amministrazione Provinciale per motivi documentali; tale ostacolo si è potuto aggirare attraverso l’instaurazione di un rapporto diretto con i Comuni di Monte San Giovanni Campano e Pontecorvo che si sono fatti carico delle spese a partire dal mese di Ottobre sino al termine della scuola. Per quanto concerne il servizio di Assistenza Specialistica in convezione con l’Amministrazione Provinciale di Frosinone è bene specificare che ha avuto inizio il 6 Ottobre per poi riprendere il 12 Gennaio (con una pausa per le festività che si è prolungata di una settimana rispetto alla normale ripresa delle lezioni) e concludersi il 7 Febbraio, nell’attesa che arrivassero risposte concrete alle numerose e ripetute richieste circa il finanziamento assente. Il 2 Marzo è stato nuovamente avviato il servizio con la scadenza ultima del 30 Maggio, eccezion fatta per gli alunni impegnati negli esami finali. Sono molte le problematiche emerse durante questo periodo di scuola, forse troppe le domande a cui non si è potuto dare una risposta nonostante l’impegno profuso da tutte le persone coinvolte: operatori di buona volontà che hanno portato a termine il loro compito pur non essendo retribuiti con regolarità. L’U.I.C.I. stessa, dopo aver ricevuto promesse ufficializzate e dopo aver siglato un patto di collaborazione con le autorità competenti, ancora non riesce ad uscire da un immobilismo ormai decadente, dovuto prioritariamente alla riforma delle province e al mancato trasferimento da parte della Regione Lazio delle risorse economiche necessarie. Dopo molteplici anni la presenza dell’U.I.C.I. nelle scuole si è ormai consolidata, sempre più numerose sono le richieste di aumento delle ore, di consulenza didattica e tutto grazie all’impegno e alla professionalità delle persone coinvolte, nonché degli alunni che percepiscono l’Associazione come una realtà vicina e concreta. Il servizio in convenzione con il settore Politiche sociali della Provincia di Frosinone è destinato a 41 alunni attraverso l’impiego di 22 operatori e due coordinatrici. Ringraziamo pubblicamente il neo Presidente dell’Amministrazione Provinciale avv. Antonio Pompeo e il Consigliere delegato alle politiche sociali dott. Andrea Velardocchia, nonché il funzionario dell’assessorato competente dott.ssa Antonietta Damizia per la volontà dimostrata al fine di assicurare il servizio fin qui descritto malgrado le serie difficoltà riscontrate.
4.3 Attività ludico – ricreative
Rispondere in maniera efficiente ed efficace alle esigenze materiali e morali dei soggetti non vedenti ed ipovedenti, in maniera da favorirne lo sviluppo dell’autostima e dei rapporti con il mondo circostante, ha da sempre rappresentato una delle priorità dell’azione del nostro Consiglio. Pertanto, a tale scopo, sono state individuate e realizzate nel tempo una serie di attività, finalizzate all'integrazione ed alla emancipazione sociale del non vedente, alla promozione del loro diritto di cittadinanza ad una libera fruizione degli spazi di interesse storico – artistico , delle offerte culturali e turistiche. Diverse, dunque, anche per l’anno appena trascorso, le attività e le iniziative di natura socio-culturale, ricreativa e per il tempo libero che sono state messe in cantiere finalizzate, come dicevamo, al superamento dell’esclusione sociale e che, a nostro avviso, nonostante la contingenza della crisi economico – finanziaria, hanno raggiunto un apprezzabile livello di efficienza e di partecipazione. Il programma si è aperto con la festa di Carnevale il 28 Febbraio presso il Ristorante “Da Paolo” a Ferentino, dove tra l’animazione musicale, giochi, balli e scherzi si è vissuta una serata nel pieno spirito carnevalesco. Il 20 Marzo, presso la “Sala della Ragione” in Anagni, una nostra delegazione ha partecipato alla presentazione del libro “Sulle ali di una farfalla” scritto dall’ex Prefetto di Frosinone Piero Cesari. Il 10 maggio ed il 14 Giugno sono state le date in cui si sono svolte due visite guidate dei Giardini Vaticani per gruppi ristretti di soci, come peraltro richiesto per il rispetto delle rigide misure di sicurezza previste all’interno della Città del Vaticano. E’ stato oltremodo emozionante ed affascinante addentrarsi nei Giardini con piante, alberi, fiori, arbusti, rampicanti provenienti da ogni parte del mondo, vedere le Mura, le Casine, i giochi d'acqua e le grotte dedicate alla Madonna, ad esempio quella della Madonna della Guardia, o la riproduzione della Grotta di Lourdes. Una bella giornata di svago, di socializzazione e di condivisione è stata vissuta da alcuni soci del comprensorio di Sora il 24 Maggio presso il lago di Posta Fibreno. Piatto forte di queste diverse attività sono stati, senz’altro, i due soggiorni: quello montano, organizzato e gestito dall’U.N.I.Vo.C. e di cui si fa più ampio cenno in altro passaggio della relazione, e quello marino. Quest’ultimo ha avuto luogo, dal 10 al 17 Luglio, presso il Villaggio turistico Poseidon a San Salvo Marina in provincia di Chieti; la bellezza dei luoghi visitati (le splendide Isole Tremiti, Vasto, i Trabocchi di Fossa Cesia), il clima di divertimento, di relax e svago in piena condivisione con tutti i partecipanti, hanno contribuito a rendere questa vacanza una bella esperienza di vita. Notevole è stata la partecipazione con ben 55 adesioni di amici provenienti da diverse Sezioni quali, oltre la nostra, Roma, Latina, Viterbo, Avellino e Bologna. Tale evento, se da un lato ha comportato un notevole dispendio di energie umane nell’organizzazione e nella gestione di tale soggiorno, dall’altro rappresenta motivo di vanto e di orgoglio per la nostra Sezione ormai affermatasi come punto di riferimento per questo genere di attività. Il 20 luglio una nostra rappresentanza di soci ha partecipato ad una giornata di incontro con altri gruppi di disabili, organizzata, come ogni anno, ad Isola Liri dall’amico Cav.Enzo Scala, il quale, al termine di tale iniziativa, ha fatto dono alla nostra Associazione di un gradito contributo economico. Un altro aspetto che, da anni ormai, viene tenuto nella giusta considerazione da questo Consiglio è l’attenzione per la conoscenza del nostro territorio provinciale, delle sue bellezze artistiche e paesaggistiche, ed è proprio in tale contesto che va collocata l’iniziativa, nell’ambito dell’Assemblea dei soci del 21 Settembre, della visita guidata delle grotte naturali di Falvaterra. L’annuale escursione su Roma, giunta alla sua ottava edizione, si è svolta sabato 18 Ottobre ed ha avuto come tema “Trastevere – il cuore di Roma”. La nostra guida turistica ed amica Irene Maestri, come sempre, con le sue doti professionali ed umane, ha saputo farci apprezzare e gustare il valore storico ed artistico dei seguenti siti e monumenti: al mattino Villa Farnesina, una delle più nobili ed armoniose realizzazioni del Rinascimento italiano ed affrescata con dipinti dei miti classici a partire da Raffaello Sanzio e Piazza Trilussa; nel pomeriggio poi passeggiata, baciata da uno splendido sole, nel quartiere con la visita delle chiese di Santa Maria in Trastevere e Santa Cecilia in Trastevere. Sabato 13 Dicembre si è svolta la 56° Giornata Nazionale del Cieco con la celebrazione della Messa in onore della nostra Patrona Santa Lucia presso la chiesa di Santa Maria Goretti. La funzione religiosa è stata animata con il coinvolgimento di nostri soci nel coro, con la preziosa collaborazione di volontarie dell’U.N.I.Vo.C., e nelle letture. Il programma della manifestazione è poi proseguito presso la Sala Teatro della AUSL di Frosinone con la consegna, dapprima, dei diversi riconoscimenti e premi, a cui sono seguite una divertente esibizione in dialetto ciociaro da parte del gruppo teatrale ferentinate “Le Strenghe”, e l’apprezzata cena offerta dalla nostra Sezione. Il ricco programma di iniziative si è concluso il 23 Dicembre presso il Ristorante La ‘Mbriachella di Frosinone, con la sempre attesa cena sociale che segue l’estrazione della nostra annuale lotteria; è stato questo un momento vissuto nel pieno spirito della goliardia e dell’allegria, nello scambio comunitario degli auguri per le festività natalizie. Concludiamo queste brevi note con l’affermare che anche il prossimo Consiglio Direttivo, ne siamo certi, compatibilmente con le risorse disponibili, profonderà il massimo dell’impegno per dare continuità al lavoro sin qui svolto in questo settore, e saprà proporre diverse altre iniziative con l’intento di offrire a tutti voi ulteriori occasioni di incontro, di svago, di arricchimento umano e culturale.

4.4 Prevenzione della cecità
Anche quest’anno il comitato locale della Iapb ha realizzato alcune iniziative per la campagna di prevenzione della cecità. In particolare la settimana mondiale del glaucoma ha visto la distribuzione di materiale divulgativo e informativo e la realizzazione di un apposito seminario presso la sala riunioni dell’Aipes in Sora. In occasione della Giornata Mondiale della Vista si è distribuito ulteriore materiale divulgativo in 5 istituti superiori e realizzato un convegno presso l’Istituto Magistrale “Fratelli Maccari” di Frosinone. In merito alla prevenzione della cecità abbiamo aderito alla campagna di prevenzione “Non perdiamoci la vista” mediante le visite oculistiche con l’unità oftalmica mobile tenute dal 10 al 13 Novembre 2014, rispettivamente in Cassino e Frosinone. Un’ulteriore iniziativa promossa dal sig. Villani Leonardo e un gruppo di volontari tra cui il dottor Fabio Celletti ha realizzato una campagna di sensibilizzazione e prevenzione del diabete, nei Comuni limitrofi di Ceprano. L’iniziativa che è partita il primo Giugno ha ricevuto numerosi consensi, sia dall’opinione pubblica che dalle autorità locali ed ha coinvolto 15 Comuni ed oltre mille persone. La nostra sede di rappresentanza di Cassino ha portato a termine uno screening nelle scuole primarie di secondo grado che ha coinvolto un intero circolo didattico.

4.5 Progetti
In questa parte della relazione descriveremo alcune iniziative progettuali che stiamo realizzando. In particolare la nostra sede ha visto approvato un progetto relativo al bando “Fraternità: Promozione di nuove frontiere per l’integrazione sociale”, dal titolo “Ragazzi al cubo” che è stato avviato lo scorso 15 Dicembre e vedrà coinvolte numerose persone over 65 in attività di informatica di base, lettura, visite guidate ecc. Il 22 Settembre abbiamo firmato un partenariato con l’ente Polistudio di Frosinone per partecipare al progetto “S.O.S. FAMIGLIA, SUPPORTO, ORIENTAMENTO E SPECIALIZZAZIONE 2014” che è stato approvato e si prefigge la formazione di assistenti per persone anziane e disabili gravi. All’U.I.C.I. compete l’individuazione di un operatore da formare e di essere tramite con i minorati della vista per tutti coloro che sono interessati ad usufruire di detto servizio. Per quanto concerne i distretti socio sanitari è stata rinnovata a convenzione con quello di Alatri per l’erogazione dei servizi di prestazioni leggere. È stato infine avviato in Cassino un tirocinio formativo di tre mesi in convenzione con la Cisl provinciale, analoga iniziativa è stata realizza in Frosinone in convenzione con il distretto A di Alatri.

4.6 Attività di Patronato e C.A.F.
Garantire ai nostri soci, ai loro familiari, agli operatori ma anche ai volontari un servizio di patronato e di assistenza fiscale adeguato è stato da sempre uno degli obiettivi che ci siamo dati e che raggiungiamo mediante apposite convenzioni con le realtà nazionali presenti sul territorio. Grazie a queste collaborazioni abbiamo potuto garantire i suddetti servizi soprattutto quelli pensionistici e del riconoscimento dello stato invalidante e delle provvidenze economiche dovute ai disabili. Un ulteriore ritorno per la nostra organizzazione è sicuramente quello della donazione del 5 x 1000 di cui daremo conto più avanti.

4.7 Nuove Tecnologie
Relativamente alla fornitura di ausili speciali, l’anno appena trascorso ha visto crescere il numero di servizi che l’Associazione riesce ad offrire ai propri iscritti: dal mese di Settembre infatti, presso la nostra sede di Frosinone è possibile consultare l’ufficio preposto per chiedere in ogni momento valutazioni, pareri, consigli, assistenza e formazione all’uso dei vari sussidi esistenti. Un’importante novità è stata quella avviata nel mese di Ottobre 2014, quando abbiamo attivato un servizio di consulenza gratuita presso le scuole di ogni ordine e grado dell’intero territorio provinciale. Si è messo a disposizione un servizio di affiancamento costante agli istituti scolastici che hanno aderito, consistente in valutazioni di ausili specifici in favore dei nostri alunni, affiancamento durante le forniture, assistenza e formazione all’uso, rivolta sia agli alunni aventi diritto che al corpo docente che ne abbia espresso richiesta. Tale servizio ha il fine di dotare le scuole di strumentazioni all’avanguardia ed altamente specifiche che possano permettere agli alunni con disabilità visiva di riuscire a seguire il percorso scolastico nella maniera sempre più idonea possibile. Per quanto riguarda le novità tecnologiche, è molto positiva la continua evoluzione del mondo Apple: I-Phone ed I-Pad sono ormai ausili di consolidato utilizzo, in quanto polifunzionali e altamente accessibili. Con un I-Phone o un I-Pad un non vedente può telefonare, inviare messaggi, gestire la propria posta elettronica, utilizzare la messaggistica whatsapp, consultare internet, utilizzare il navigatore GPS, utilizzare un sensore per la luminosità che segnala se una luce è accesa o spenta, utilizzare un lettore di colori, sapere rapidamente dove si trova un ristorante nelle vicinanze, e numerose altre funzionalità, tutto in maniera altamente semplificata e completamente accessibile. Ciò grazie alla sintesi vocale integrata “Voice Over” ed all’infinito mondo delle Applicazioni, in continua evoluzione ed aggiornamento, tra le quali spicca la famosa assistente vocale “Siri” che permette di gestire il dispositivo mediante comandi vocali. Di recente uscita sul mercato mondiale, l’Apple Watch potrebbe aprire interessanti scenari anche nel mondo degli orologi. Segnaliamo che anche il mondo Android sta provando ad avvicinarsi ai livelli della Apple, e questo è un bene in quanto potrebbe ampliare la possibilità di scelta e concorrenza. Un’altra novità tecnologica importante è stata l’aver individuato nel tablet la possibilità di poter costituire una postazione polifunzionale idonea per diverse esigenze scolastiche per gli ipovendenti. Fissando un tablet su un apposito sostegno verticale ancorato al banco si ottiene una postazione di lavoro che - mediante anche un’apposita configurazione specifica di software ed applicazioni - può assolvere a diverse funzioni, quali:
- Videoingranditore (per libri, lavagna, etc.)
- Fruizione dei libri digitali mediante la sintesi vocale integrata;
- Videoscrittura;
- Calcolatrice ingrandita e parlante;
- Connessione Internet a mezzo WiFi;
- Registrazione delle lezioni, etc.
L’iniziativa si sta diffondendo in molte scuole, e sta riscuotendo grandi consensi da parte di alunni e docenti.
4.8 Rapporti con le Associazioni
L’U.I.C.I. di Frosinone ha intensificato i rapporti di collaborazione con le Associazioni del territorio mentre sono proseguiti quelli ormai consolidati con la Federazione delle associazioni dei disabili. Il Forum del Terzo Settore provinciale a cui abbiamo aderito ha organizzato numerose iniziative, seminari e dibattiti. Il 16 Aprile, contestualmente al tavolo di concertazione provinciale il suddetto Forum, ha organizzato un convegno sulla solidarietà sociale, tenutosi presso l’aula Consiliare della Provincia, mentre il 10 Dicembre vi è stata un’assemblea degli aderenti con un ricco ordine del giorno. Tra le iniziative del Forum citiamo quella dedicata ad una corretta alimentazione svoltasi nella serata del 13 Dicembre presso l’agriturismo “Le Ginestre” in Ceccano. Il 23 Gennaio presso la Villa Comunale di Frosinone si è svolta un’assemblea del Forum del Terzo Settore dal titolo “Terzo settore che non ti aspetti”. Sono proseguiti gli incontri della consulta costituita pressa la AUSL di Frosinone mentre abbiamo aderito anche alla Consulta provinciale per la disabilità mentale sempre promossa dall’Azienda Sanitaria. Anche quest’anno abbiamo riconfermato l’adesione alla Consulta cittadina di Frosinone sia dell’U.I.C.I. che delle associazioni a noi collegate, su quest’ultima consulta va segnalato tuttavia che ormai da troppo tempo è immobilizzata e inattiva per contrasti tra l’Amministrazione comunale e alcune associazioni e per eccesso di protagonismo da parte di qualche componente. Il 18 Giugno si è svolta una riunione presso l’UEPE per gli enti accreditati all’impiego di personale in servizio di pubblica utilità, dove anche la nostra Organizzazione collabora da tempo. La nostra Associazione fra gli altri impegni intrapresi nell’ultimo periodo ha aderito al Tavolo di Progettazione Provinciale – Patto di solidarietà sociale della nostra Provincia.

4.9 Seminari e incontri
Passiamo in rassegna alcuni seminari e incontri di cui riteniamo sia necessario darvi conto. Il 10 Ottobre presso l’aula magna Campus Folcara dell’Università degli studi di Cassino abbiamo partecipato all’incontro “Pari e diversi” promosso dal Cudari. Il 20 Maggio presso l’Amministrazione Provinciale di Frosinone si è svolta una tavola rotonda sulla tematica dello sport e della disabilità che ha visto gli interventi in qualità di relatori del Presidente e del Vicepresidente dell’U.I.C.I.. Il 3 Dicembre siamo stati ricevuti da Sua Eccellenza il Prefetto di Frosinone, dott.ssa Emilia Zarrilli, alla quale abbiamo consegnato una lettera del nostro Presidente Nazionale da far recapitare al Presidente del Consiglio dei Ministri, inerente il taglio dei finanziamenti alle norme e ai servizi erogati dall’U.I.C.I.. Analoga manifestazione si è svolta contestualmente in tutta Italia. Il Prefetto ha assicurato che in giornata il documento sarebbe stato trasmesso al Presidente del Consiglio dei Ministri. L’incontro è stato cordiale e si è convenuto di proseguire la collaborazione esistente da tempo. Il Prefetto ha assicurato la sua partecipazione a uno dei nostri eventi. Durante lo scorso anno abbiamo avuto frequenti contatti con la direzione socio – sanitaria della AUSL di Frosinone per la soluzione di alcuni problemi quali ad esempio le rette per coloro che hanno necessità di trattamenti riabilitativi estensivi. Ringraziamo il Presidente della Commissione bilancio della Regione dottor Mauro Buschini per aver ricevuto una delegazione dell’U.I.C.I.. Lazio che ha posto alla sua attenzione le problematiche connesse al finanziamento della L.R. 58/90, norma che sostiene le Associazioni storiche e che negli ultimi tempi ha visto ridurre il contributo annuo malgrado gli interventi dell’Associazione che comunque sono risultati utili per mantenere il capitolo di bilancio presente nonostante il definanziamento occorso nell’anno 2013. Il 4 Settembre si è svolta una conferenza presso la AUSL di Frosinone inerente le linee strategiche 2014-2016 e il nuovo atto aziendale, seguito da un ulteriore incontro dove è scaturito un documento della consulta della AUSL con tutte le osservazioni effettuate dalle associazioni di categoria. Il 6 Marzo abbiamo preso parte, con una nutrita delegazione, al seminario conclusivo del progetto “ Nuove abilità per la flessibilità” tenutosi presso la sala Tirreno dell’Ente Regione Lazio. Nella mattina del 30 Maggio, abbiamo preso parte al seminario promosso dall’ANGLAT per la presentazione dei nuovi servizi predisposti sul loro portale. L’evento si è svolto presso la clinica riabilitativa S. Lucia in Roma, all’interno della sala convegni. Il 13 Giugno, abbiamo preso parte al convegno e alla mostra di fine anno scolastico, organizzata presso l’Istituto Comprensivo “F.Cataldi” di Tecchiena, dove un nostro studente ha presentato alcuni suoi lavori. Il 4 Luglio abbiamo preso parte ad un convegno organizzato dalla CGIL presso la Villa Comunale sulle tematiche della formazione e del lavoro. Nella giornata del 17 Luglio si è svolta in Roma la manifestazione “Sant’Alessio sotto le stelle” durante la quale il maestro Giovanni Valle è stato premiato per la ricerca e il libro da lui scritto quale biografia del maestro Giuseppe Camilloni. Il 16 Ottobre si è svolta in Roma la Giornata Nazionale del cane guida con un corteo che dalla nostra Presidenza Nazionale ha raggiunto il Senato della Repubblica e successivamente una nostra delegazione è stata ricevuta dalla Presidente della Camera dei deputati, Onorevole Laura Boldrini. Nei giorni 17 e 18 Ottobre si è svolto in località Manfredonia (FG) il Convegno nazionale sull’istruzione promosso dall’I.Ri.Fo.R. dal titolo “L’inclusione scolastica dei disabili visivi: dalle problematicità del presente, uno sguardo fiducioso al futuro”. Il 4 Dicembre si è svolto a Roma il convegno “Storia e funzione sociale della radio” in occasione dei 90 anni dalla prima trasmissione radiofonica italiana. Il 14 Marzo abbiamo partecipato all’inaugurazione di un corso dedicato all’integrazione scolastica organizzato dal Centro Territoriale Scolastico presso l’Ipsia di Frosinone. Il 25 agosto nel comune di Trevi nel Lazio si è svolta la 3° edizione del premio maestro Giuseppe Camilloni che quest’anno è andato al musicista Alessandro Mariano, socio della sezione di Roma. Nell’ambito delle trasmissioni della radio web nazionale Slash Radio abbiamo organizzato un gruppo di ascolto che volta per volta e secondo l’argomento trattato seguiva l’evento. Abbiamo assicurato la partecipazione sia del Presidente provinciale che di alcuni Consiglieri alle riunioni dei Quadri Dirigenti on line, garantendo inoltre la presenza del nostro Presidente al Consiglio Nazionale di Novembre e ad alcune riunioni on line dei Presidenti Regionali, in qualità di Vice Presidente dell’ U.I.C.I. Lazio. Il 27 e il 28 Settembre si è svolta in Tirrenia l’Assemblea Nazionale dei Quadri Dirigenti. Gli argomenti sono stati: la riforma dello statuto sociale, il riordino degli investimenti economici delle strutture periferiche e l’organizzazione del XXIII Congresso Nazionale. A margine del dibattito è stata chiesta una struttura diversa della Presidenza Nazionale attraverso l’organizzazione di servizi comuni e una maggiore valorizzazione del territorio. Il 13 Febbraio si è svolta presso il teatro del Sant’Alessio in Roma l’Assemblea dei Quadri Dirigenti del Lazio a cui ha preso parte il Presidente nazionale U.I.C.I. e il Direttore generale del Centro. All’incontro i presidenti sezionali hanno relazionato circa la situazione delle loro strutture periferiche. L’assemblea ha preso atto di una relazione della Presidente regionale e ha discusso di prospettive, statuto, congresso e del riassetto dell’Ente.

4.10 Attività varie
Ora passiamo in rassegna alcune attività che non sono state collocate all’interno di punti specifici di questa relazione ma che si ritiene tuttavia debbano essere accennate nel documento. Per quanto riguarda il Comitato pari opportunità uomo - donna sono stati organizzati alcuni incontri e attività ludiche, mentre il comitato dei giovani da alcuni mesi risulta inattivo. All’interno di questa relazione troviamo alcune attività effettuate dal comitato anziani e quello degli ipovedenti, mentre purtroppo gli altri comitati non sono stati presenti. Cambiando argomento informiamo che abbiamo aggiornato tutti i sistemi informatici delle sedi e migliorato la rete interna. Nell’ambito della collaborazione con il CNA di Frosinone abbiamo preso parte ad un interessante corso sui social network rivelatosi importante per l’efficacia nell’informazione e comunicazione. L’8 Maggio si è svolta presso l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale la terza giornata di studi “Museo Facile”. Tra gli ospiti di rilevanza nazionale vi è stato il direttore del Museo Omero di Ancona, Professor Aldo Grassini, già dirigente dell’Unione della Regione Marche.

5. Relazioni settoriali
5.1 U.N.I.Vo.C.
Sono ventuno anni che la nostra Sede dell’ U.N.I.Vo.C. offre servizi ai minorati della vista della provincia di Frosinone; si può ben dire, pertanto, che la nostra Organizzazione di volontariato viene da lontano, ha saputo ritagliarsi, negli anni, importanti spazi nel settore del sostegno all’integrazione ed all’inclusione sociale degli stessi. Là dove non intervengono gli Enti preposti all’erogazione dei servizi subentra l’attività delle Organizzazioni di volontariato, le quali, seppur con risorse economiche limitate, ma con la straordinaria forza dei volontari fondata sullo spirito solidaristico e della donazione di sé, riescono ad essere, oltre che depositarie di alti valori morali, anche realizzatrici di progettualità operative. Ed è questo lo spirito che ha animato l’attività dell’U.N.I.Vo.C., nella proposizione e nell’organizzazione di servizi anche per l’anno 2014; la prima considerazione che ci viene da esplicitare è che anche per l’anno scorso è stato realizzato un piano di lavoro importante ed impegnativo, suggerito, come sempre dalla vasta gamma dei bisogni vecchi e nuovi che hanno bussato alle porte della nostra Sezione. La fotografia che scaturisce dal lavoro svolto è quella di un cantiere sempre aperto, fortemente operoso, in cui le mani del gruppo dirigente si sono mosse armonicamente per la realizzazione di un disegno condiviso perché costruito collegialmente, un disegno nel quale ognuno ha recato il suo tratto di matita secondo le proprie sensibilità, capacità e disponibilità. Il servizio più richiesto da parte dei nostri soci è stato, come per gli altri anni, quello dell’accompagnamento ed è questo il settore che ha impegnato la maggior parte delle energie sia umane che economiche. Va evidenziato, con nostra piena soddisfazione, che il numero degli accompagni ha avuto un forte incremento rispetto all’anno precedente raggiungendo la ragguardevole cifra di 3.790, con una operatività di 315 giorni e quindi una media giornaliera di 12 servizi. Questo corposo risultato è stato raggiunto anche grazie al fatto che si è potuto contare sul prezioso apporto dei ragazzi del servizio civile nazionale; a loro tutti noi rivolgiamo un sentito e caloroso ringraziamento per il prezioso aiuto caratterizzato da disponibilità, sensibilità e competenza. I dirigenti, in particolare il Sig. Onorio Vozza, con i volontari del servizio civile hanno assicurato il coordinamento di questi servizi. Non meno importante si è rivelata l’attività di sostegno alle strutture ed ai dirigenti dell’U.N.I.Vo.C. e dell’U.I.C.I., con il supporto al personale della Sezione per il disbrigo dei compiti di ufficio, ai dirigenti per l’espletamento dei compiti connessi alla carica e con la partecipazione attiva alle iniziative di autofinanziamento della nostra Sezione, come la lotteria a fine anno e la vendita delle Uova Pasquali. L’attività di volontariato ha poi fornito il suo prezioso contributo, con una presenza costante e qualificata, nei seguenti settori:
culturale e promozione sociale, quali la partecipazione a due visite guidate dei Giardini Vaticani il 10 Maggio ed il 14 Giugno, la gestione dell’annuale gita su Roma, il sostegno ai servizi in occasione dell’Assemblea U.I.C.I. del 21 Settembre a Falvaterra dove si sono potute ammirare le splendide grotte naturali;
socio – ricreativo e del tempo libero, quali la festa di Carnevale del 28 Febbraio; la festa dei soci del comprensorio sorano, con cena sociale, sul lago di Posta Fibreno il 24 Maggio; il soggiorno marino dal 10 al 17 Luglio a San Salvo Marina; la manifestazione del 20 Luglio ad Isola Liri organizzata dal Cav. Enzo Scala, nostro sostenitore e la Festa di Santa Lucia del 13 Dicembre, con l’animazione della Santa Messa, con un coro formato da volontari e non vedenti, e la gestione del servizio ristoro offerto a tutti i partecipanti;
sportivo con il sostegno offerto alle attività dell’A.S.D. Ciociaria Non Vedenti con presenza di volontari nei servizi di accompagnamento e di assistenza nelle sedute di allenamento, nelle numerose trasferte per la partecipazione ai vari appuntamenti agonistici e nelle manifestazioni sportive organizzate nella nostra Provincia dalla stessa Associazione Sportiva;
socio – assistenziale con il supporto al personale del Centro Diurno per ciechi pluriminorati di Frosinone ed il servizio di trasporto per gli utenti dello stesso.
Infine, come già da più anni a questa parte, piatto forte nel panorama delle attività organizzate e gestite direttamente dalla Direzione U.N.I.Vo.C., in particolare dalla Sig.ra Sara Paesani ed il suo staff, è rappresentato dal soggiorno in montagna; lo stesso ha avuto luogo dal 24 al 31 Agosto in località Ponte Arche – Terme di Comano in provincia di Trento ed ha visto l’entusiastica partecipazione di circa 30 persone tra non vedenti, della nostra Sede e di quella di Roma, e volontari. Gli stessi hanno avuto modo di trascorrere intensi momenti di svago, di sano relax e di vita comunitaria tra le bellezze naturalistiche ed artistiche del Trentino. Un altro aspetto verso cui il gruppo dirigente ha saputo indirizzare i propri sforzi, ponendolo tra le priorità, è stato quello di curare maggiormente la formazione dei propri volontari; con il sostegno di Spes – Centro di servizio per il Volontariato del Lazio è stato pertanto realizzato un corso di formazione dal titolo “Solidarietà e minorazione visiva: per crescere insieme” . Lo stesso ha avuto inizio il 21 Marzo e si è concluso nel mese di Novembre, con 26 partecipanti, dei 32 inizialmente iscritti, che hanno completato il percorso formativo. Presupposto del progetto è stato l’assunto che i volontari costituiscono un valore aggiunto per le Organizzazioni di Volontariato ed il territorio, una risorsa in grado, se opportunamente preparata, di stimolare, sostenere e qualificare le attività ed i servizi offerti dall’Associazione. In tale direzione la nostra Organizzazione ha voluto, pertanto, offrire ai propri volontari un’opportunità formativa che non si limitasse all’apprendimento di conoscenze e strumenti utilizzabili nello svolgimento del proprio servizio, ma che offrisse momenti di educazione alla cittadinanza attiva, alla solidarietà, alla cultura dell’aiuto. Il quadro complessivo che emerge da questo racconto di un anno di attività è quello, senza dubbio, di una Sezione viva, consapevole del proprio ruolo e delle proprie responsabilità; un albero saldamente piantato su robuste radici capace di saper resistere ai venti di tempesta che pure lo scuotono da più parti. A questo punto non ci resta che dire grazie dal profondo del cuore e dell’anima a tutti quelli, e sono tanti, che si sono impegnati al raggiungimento di questi risultati, ma soprattutto ai volontari che hanno dimostrato in ogni occasione disponibilità ed attenzione alle esigenze dei nostri soci; hanno svolto ogni incarico che è stato loro affidato con senso di responsabilità e professionalità, avendo la capacità di instaurare con gli utenti e con noi dirigenti un rapporto non solo operativo, ma soprattutto di solidarietà ed amicizia.

5.2 Sede di Rappresentanza di Cassino
Diamo ora conto delle attività della nostra Sede di rappresentanza di Cassino. Nell’anno appena concluso, grazie al Servizio Civile Nazionale e al sostegno dei volontari dell’U.N.I.Vo.C, abbiamo gestito e consolidato i tradizionali servizi di accompagnamento ai soci, cercando di soddisfare e accogliere le loro numerose richieste ed esigenze pressoché quotidiane, garantendo, inoltre, la nostra presenza e partecipazione alle varie attività associative provinciali. Tra le note positive, citiamo la gita a Rieti in occasione della Fiera del Peperoncino nel mese di Agosto, dove i partecipanti hanno avuto la possibilità di scoprire le varietà di questo prodotto. Inoltre abbiamo effettuato, sempre nel mese di Agosto, altre uscite e pranzi associativi riscontrando una piacevole partecipazione dei soci. Non sono mancati momenti di incontro e di confronto volto alla crescita della realtà associativa di Cassino. Grazie alla collaborazione con l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale abbiamo partecipato a diversi convegni, citiamo quello a cui ha preso parte Jane Goodal, nota antropologa ed etologa inglese, impegnata nello studio della vita sociale degli scimpanzé. Un’altra attività che ci ha visto in prima linea è stata quella di collaborazione con l’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità (IAPB) Italia Onlus. Grazie alla disponibilità della Dott.ssa Paola Grossi e del nostro staff abbiamo realizzato la prevenzione all’interno delle scuole primarie di Cassino. Attraverso questo screening abbiamo sensibilizzato le famiglie e le scuole ad una corretta salvaguardia della vista. Tale lavoro è stato esposto in un convegno in località Pontecorvo, in occasione della Giornata Mondiale del Glaucoma. Per quanto concerne le attività di sostegno alla “famiglia” dell’Unione Italiana dei Ciechi di Frosinone, non possiamo dimenticare la nostra robusta presenza nell’organizzazione e realizzazione del I° Torneo Nazionale promozionale di showdown dal titolo “Pari & Diversi” svoltosi in Cassino dal 21 al 23 novembre 2014. Abbiamo inoltre intrapreso una collaborazione con gli studi oculistici del comprensorio, lavoro che verrà ripreso e che ci dovrà garantire nel tempo un’ampia visibilità e crescita associativa. La nostra sede che è costituita dalla presenza delle associazioni aderenti alla Fand provinciale è stata aperta anche alla locale sede dell’Avis. Il “cantiere” della nostra sede di rappresentanza non è chiuso, anzi sono in progetto nuove iniziative che auspichiamo di realizzare nel più breve tempo possibile, confidando nell’aiuto e nella collaborazione di tutta la nostra Organizzazione.

5.3 Sede di Rappresentanza di Sora
Passiamo ora in rassegna le date più importanti con le relative attività svoltesi dalla nostra sede di rappresentanza di Sora:
- Il 1° FEBBRAIO su invito di un nostro studente, abbiamo partecipato al convegno “Politica tra disinteresse e curiosità” presso la sala comunale di Arpino, dove lo stesso ha avuto l’incarico di relatore.
- 11 FEBBRAIO Su invito dell’ UNITALSI abbiamo partecipato alla Giornata del malato svoltasi presso la chiesa “Santa Restituta” di Sora con la presenza di sua Eccellenza il Vescovo Gerardo Antonazzi.
- 12 MARZO Si è svolto in Sora presso i locali dell’AIPES organizzato dall’ IAPB in collaborazione con l’U.I.C.I. di Frosinone un convegno sul Glaucoma. Si ringrazia il Dott. Luigi Baglione per la relazione e il Presidente dell’AIPES Maurizio Ottaviani per l’ospitalità.
- L’8 APRILE abbiamo partecipato al convegno “Scuola, diversità e integrazione” presso la sala comunale di Arpino.
- 24 MAGGIO La nostra sede di rappresentanza di Sora ha organizzato un incontro con i soci e i volontari del sorano presso il ristorante “Simpaty” in località Posta Fibreno per passare insieme una giornata in allegria.
- 26 GIUGNO Su invito del Comitato “Festa di Sant’Antonio” di Isola del Liri siamo stati ospiti dell’evento, si ringrazia lo stesso per l’ospitalità.
- 20 LUGLIO Annuale “Festa dei disabili” organizzata in località Isola del Liri.
- 08 AGOSTO Abbiamo partecipato alla sagra “Le strade della pizza” a Sora.
- 18 AGOSTO Abbiamo ricevuto, presso la nostra rappresentanza di Sora, la gradita visita del Presidente del centro Regionale Sant’Alessio Margherita di Savoia per i ciechi dott. Amedeo Piva.
- 14 SETTEMBRE Su invito del comitato organizzatore abbiamo partecipato alla “Festa Madonna del campo” nel comune di Castelliri.
- 08 OTTOBRE In occasione della giornata mondiale sulla prevenzione della cecità abbiamo distribuito materiale informativo presso il Liceo Classico di Arpino, allo scopo di sensibilizzare gli studenti informandoli sull’aspetto della prevenzione.
Come ogni anno abbiamo svolto visite domiciliari e abbiamo garantito servizi di assistenza domiciliare (passeggiate, lettura libri, etc.). Durante l’anno sono state espletate diverse pratiche INPS di Sora e sono state effettuate nuove iscrizioni. Nel corso del periodo in esame la sede di rappresentanza di Sora ha partecipato a tutte le attività programmate a livello provinciale. Il comune di Sora ha rinnovato anche quest’anno il contributo economico di funzionamento per la nostra sede.
In conclusione è nostro intento ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita del programma esposto e che stanno continuando ad offrire il loro importante supporto che sarà utile anche nel far crescere nella nostra realtà territoriale la nostra Associazione.

5.4 Sede di Rappresentanza di Anagni
Le attività svolte nel comprensorio di Anagni nell’anno 2014 sono proseguite malgrado numerose difficoltà. La più importante tra queste è non avere ancora a disposizione una vera e propria sede operativa. I primi mesi dell’ anno ci hanno visto impegnati nel promuovere una campagna di visite domiciliari allo scopo di incontrare i nostri soci ascoltandone i bisogni. Tale attività è stata realizzata solo in parte, tenuto conto del territorio molto esteso dell’area nord della provincia di Frosinone e non avendo inoltre a disposizione volontari nella zona. Ad ogni modo abbiamo provveduto a istaurare contatti telefonici che si sono rilevati fruttuosi. Nel mese di Giugno abbiamo avuto un primo incontro con la nuova amministrazione comunale appena costituita, e precisamente con il Sindaco, il quale si è reso disponibile a sostenere le nostre richieste. Nel successivo incontro tenutosi nel mese di Novembre con la presenza dell’assessore comunale alle politiche sociali si è approfondito l’argomento della Sede e delle problematiche della zona. Nello stesso mese si è tenuto un’ incontro con il presidente dell’Accademia Bonifaciana di Anagni Cavaliere Sante De Angelis per promuovere un’ interessante iniziativa per i nostri soci. A conclusione della relazione della sede di Anagni attendiamo fiduciosi una risposta concreta da parte delle istituzioni.

5.5 Associazione Sportiva Dilettantistica “Ciociaria non Vedenti”
Apriamo la relazione dell’Associazione Sportiva dilettantistica “Ciociaria non vedenti” con il voler ricordare a tutti che la nostra realtà compie trent’anni e ci si augura che questo importante traguardo raggiunto possa avere una continuità nel tempo per il benessere fisico dei disabili che vi aderiranno. Tutto ebbe inizio nel 1985 quando, grazie ad uno sparuto gruppo di giovani volenterosi e pieni di passione sportiva, nacque una società che con il trascorrere degli anni si è sempre più distinta nel panorama sportivo nazionale con vari successi in molte discipline e anche promotrice di organizzazioni e di manifestazioni a carattere nazionale. Nell’anno 2014 le attività dell’A.S.D. “Ciociaria Non Vedenti” sono state ricche di impegni e di partecipazioni a numerose manifestazioni sportive, alcune da noi promosse. Non è mancato il costante impegno dedicato alla partecipazione di numerosi eventi sportivi, sia a carattere promozionale, regionale, nazionale e internazionale, grazie anche alle risorse economiche e umane che ogni anno l’U.I.C.I. e I’U.N.I.Vo.C. della sezione provinciale di Frosinone ci garantiscono. Va posto in evidenza l’autofinanziamento degli atleti stessi che con il loro supporto e abnegazione negli allenamenti permettono alla nostra piccola società di sopravvivere in un periodo di crisi economica del Paese. Per quanto riguarda l’attività sportiva dell’anno suddetto, ricordiamo che le nostre attività si sono concentrate soprattutto nei 2 sport principali che pratichiamo: il torball e lo showdown. La Nostra attività è stata ricca di eventi da Noi organizzati, quali la terza giornata del campionato italiano di torball maschile di serie b svoltasi nel comune di Anagni nel mese di Marzo, mentre nel mese di Novembre a Frosinone abbiamo realizzato un quadrangolare con squadre di livello nazionale. nello showdown annotiamo di aver ospitato uno stage con la presenza del tecnico della nazionale nel mese di Aprile, mentre nel mese di Novembre presso l’Università di Cassino abbiamo organizzato il primo torneo di showdown promozionale con molti atleti provenienti da varie zone d’Italia. La Nostra squadra di Torball ha disputato il 5° anno consecutivo nel Campionato Nazionale di Serie B, ottenendo il 5° posto nella classifica generale. Ricordiamo ora che la nostra Società è stata invitata a partecipare a numerosi tornei, sia in Italia che all’estero, che sono: Teramo, Ascoli Piceno, Chieti e Salisburgo. Quest’anno ha assunto notevole importanza la disciplina dello showdown, i nostri atleti hanno fra l’altro l’opportunità di utilizzare il tavolo di gioco presso la palestra dell’Università di Cassino ubicato nella facoltà di scienze motorie. La Nostra Società si è arricchita con nuove adesioni che stanno dando una maggiore vitalità nella suddetta disciplina, con la partecipazione a molteplici tornei nazionali e internazionali. Nel mese di Agosto siamo stati invitati presso il Foro Italico di Roma, attraverso l’Università del Molise che ha promosso alcuni test fisici sull’equilibrio per conoscere il mondo dei disabili in relazione con lo sport. Una splendida iniziativa realizzata dal CIP ha permesso al nostro Consiglio Direttivo di partecipare all’udienza papale svoltasi ad Ottobre. Sempre nello stesso mese due nostri atleti hanno partecipato alla Marcia della Pace Perugia-Assisi. Nel futuro della nostra Associazione sportiva si intendono proporre e promuovere ulteriori discipline sportive: il tandem, dove abbiamo una nuova promessa e quelle discipline attualmente accantonate come l’atletica leggera. Allo scopo di reperire risorse economiche è stato presentato un progetto all’Ente Regione Lazio nel quale si intendono promuovere attività sportive ai giovani, quindi rivolgiamo un caloroso appello a tutti coloro che vogliono avvicinarsi alle discipline sportive con la loro adesione offrendo nuovo slancio alla nostra società e cogliendo i frutti di un sano sport che ha sicure ricadute positive nella salute psicofisica.

5.6 Centro Regionale S. Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi di Roma
Lo scorso anno il Centro Regionale S. Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi ha consolidato con l’U.I.C.I. una proficua e ci auguriamo definitiva collaborazione al fine di ottimizzare e ampliare in futuro i servizi che l’Ente eroga in favore dei minorati della vista. Purtroppo ad oggi non è stato possibile ripristinare i servizi di “Didattica Domiciliare” non per nostra volontà, ma per assenza di fondi, è stato incrementato il servizio di “Assistenza Domiciliare” e “Diurno per i Ciechi Pluriminorati” di circa 30 utenti cercando di rispondere alla crescente domanda. Una gradita novità sta nel poter definire la nostra sede come il S. Alessio di Frosinone in un’ottica di crescita , di impegno e di riconoscimento dei bisogni del territorio. Per quanto riguarda il progetto “Home Care Premium”, diretto a disabili con cassa previdenziale I.N.P.S. (ex INPDAP) o familiari con lo stesso requisito, si è cercato di fornire il miglior servizio possibile anche proponendo convenzioni ai distretti (ATS) della provincia per la gestione dei servizi che prevedono la presenza di personale adeguato alle esigenze degli utenti con deficit visivo. L’anno 2014 si è concluso con un grande spirito di collaborazione e reciproco scambio di idee e competenze al fine di assicurare un servizio sempre più attento ai bisogni delle persone e delle loro famiglie. Si ricorda infine che il presidente provinciale dell’UICI svolge un’attività intensa presso l’Ente in qualità di componente del Cps in rappresentanza del Consiglio Regionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti del Lazio. Il Centro Regionale nell’ambito della promozione dell’Ente ha ospitato la mostra tattile “La Gioconda in via Margutta”. Durante l’inaugurazione dell’evento sono intervenute numerose autorità pubbliche della Regione e del Governo che si sono complimentate per il grande lavoro che l’Ipab svolge sul territorio regionale.

5.7 Biblioteca Multimediale “Aurelio Nicolodi”
L’attività della Biblioteca Multimediale Aurelio Nicolodi si divide sostanzialmente in due parti principali: quella esterna che andiamo di seguito ad illustrare. Il 27 Febbraio abbiamo preso parte all’Assemblea dei Sindaci per le biblioteche “Valle del Sacco” dove la nostra Biblioteca multimediale “A. Nicolodi” è entrata a farne parte. Successivamente il 6 Maggio abbiamo partecipato all’Assemblea dei Sindaci per le biblioteche aderenti al Consorzio “Valle del Sacco”. Il 13 Maggio presso la sala conferenze della Biblioteca di Ceccano abbiamo partecipato alla presentazione dell’iniziativa denominata “Libri per ipovedenti” promossa sempre dalle citate biblioteche in collaborazione con l’U.I.C.I. Per quanto concerne la seconda parte delle attività queste sono state rivolte sostanzialmente all’interno dell’Associazione con le seguenti azioni. Abbiamo partecipato alla riunione dell’unità territoriale di coordinamento regionale dove si è affrontata la tematica della fornitura dei libri di testo scolastici in formato accessibile, sull’argomento vi sono stati ulteriori incontri presso il Centro di consulenza tiflo – didattica in Roma dove erano presenti i centri stampa laziali e il Presidente della Biblioteca Nazionale per ciechi Regina Margherita di Monza. Si è convenuto di unire le forze e migliorare l’interscambio dei cataloghi dei testi realizzati al fine di ottimizzare al massimo le risorse, migliorando tale aspetto organizzativo. Il Consiglio Provinciale dell’U.I.C.I. di Frosinone ha avviato un’iniziativa a sostegno della nostra biblioteca attraverso la vendita dei libri dell’autore Andrea Camilleri, donati all’Associazione per promuovere l’autofinanziamento. Con questa risorsa e con quelle di pochi comuni del territorio e un contributo della nostra sede abbiamo potuto garantire la stampa dei libri scolastici anche se quantitativamente inferiore rispetto allo scorso anno, infatti è mancato sia il sostegno dell’Amministrazione provinciale sia quello della Regione questo perché la convenzione della durata di due anni con la Biblioteca Nazionale Regina Margherita di Monza non è stata rinnovata. Quanto da noi brevemente descritto fotografa una situazione negativa che rischia di peggiorare per il prossimo anno scolastico se non vi saranno urgenti interventi a sostegno della stampa dei libri scolastici.

5.8 I.Ri.Fo.R.
Dopo un periodo di attività molto limitata l’I.Ri.Fo.R. su base provinciale ha dato finalmente i primi cenni importanti di ripresa. Anche quest’anno è stato effettuato un corso di primo livello per la conoscenza della segnografia braille che ha coinvolto insegnati curriculari e di sostegno, operatori e volontari. L’iniziativa si è potuta realizzare grazie alla concessione della sala riunioni della Biblioteca provinciale di Frosinone. L’ I.Ri.Fo.R. ha realizzato due corsi di informatica domiciliare di base e ha collaborato con l’UICI per la realizzazione dei progetti esposti in altre parti di questa relazione. Il struttura regionale dell’I.Ri.Fo.R sta realizzando il progetto “NETWORKING, SOLLIEVO E RIABILITAZIONE PER SOGGETTI DELLA TERZA ETA’ CON MINORAZIONE VISIVA E IN STATO DI ISOLAMENTO E SVANTAGGIO SOCIO-ECONOMICO” . in breve il progetto è articolato in diverse fasi, ricerca dell’utenza interessata, attivazione di una sala telefonica virtuale con presenza di moderatori e organizzazione di un soggiorno con connotazione anche riabilitativa.

6. Accompagnamento, Servizio Civile Volontario e Garanzia Giovani
I volontari in Servizio Civile rappresentano da anni una risorsa fondamentale per la nostra Associazione, per poter offrire servizi diretti ai nostri soci, quali il servizio di accompagnamento, ma anche per poter gestire al meglio le attività legate all’amministrazione quotidiana dell’ufficio ed alle attività di segreteria. Fortunatamente, nonostante la recente “spending review” della spesa pubblica, nell’anno appena trascorso abbiamo potuto usufruire di un cospicuo numero di volontari grazie al Progetto in rete coordinato dal nostro Consiglio Regionale del Lazio.
Il progetto, denominato “Etica e Servizio”, ci ha permesso di avere 20 volontari in Servizio Civile così suddivisi:
- n. 12 volontari assegnati alla sede di Frosinone;
- n. 4 volontari assegnati alla sede di rappresentanza di Sora;
- n. 4 volontari assegnati alla sede di rappresentanza di Cassino;
Il progetto ha avuto inizio il 03 Marzo 2014, ed è terminato il 02 Marzo 2015.
In tale periodo, il gruppo di volontari ci ha permesso di gestire con efficacia il servizio di accompagnamento in favore:
- degli utenti del Centro Diurno;
- di svariati soci che quotidianamente vengono accompagnati sul posto di lavoro;
- di soci che necessitano di essere accompagnati in visite oculistiche, mediche, di Commissione, etc.
- delle attività legate alla Presidenza ed alla Segreteria;
- dell’organizzazione di assemblee, gite, pranzi e cene associative;
- iniziative di autofinanziamento
Dal 03 Marzo 2015 abbiamo potuto proseguire con l’erogazione di tali servizi solo grazie al senso d’appartenenza che lega molti nostri ex volontari all’Associazione, sul loro grande spirito di altruismo, sull’apporto organizzativo della nostra abituale compagna di viaggio U.N.I.Vo.C., e su una nostra programmazione attenta e mirata, tesa ad ottimizzare al massimo le risorse umane, che ci ha permesso di mettere in piedi un ristretto gruppo di volontari, assolutamente affidabile per disponibilità e serietà, che ha deciso di spendere una parte importante del loro tempo per la nostra causa. Da pochi giorni la situazione è di nuovo migliorata: il 16 Aprile 2015 hanno infatti preso servizio i sei volontari che ci sono stati assegnati nell’ambito del Progetto di Servizio Civile “Garanzia Giovani”, cui abbiamo aderito in maniera pionieristica essendo tra le poche sedi dell’U.I.C.I. in Italia ad aver intrapreso tale iniziativa. Inoltre il giorno 23 Aprile si è chiuso il nuovo bando di Servizio Civile ordinario cui abbiamo aderito tramite un progetto in rete coordinato nuovamente dal Consiglio Regionale del Lazio, denominato “Servilazio” e che ci vede assegnatari di ulteriori 20 volontari, suddivisi come nel progetto precedente. Segnaliamo infine che per il prossimo futuro è prevista l’apertura anche di un nuovo Bando Straordinario di Servizio Civile “Ad Personam”, che consentirebbe di ampliare ulteriormente il numero di volontari che presteranno servizio presso il nostro Ente. Allo scopo di potenziare il servizio di accompagnamento è stato rinnovato parzialmente il parco macchine, alienando tre autovetture in Sora, Cassino e Frosinone, che sono state sostituite con quelle in dotazione a Frosinone, procedendo contestualmente all’acquisto di altre tre macchine.

7. Conclusioni
Avviandoci a concludere questo importante documento diamo alcune ulteriori informazioni che concernono l’aspetto economico. Per quanto riguarda il bilancio consuntivo dell’anno 2014 e il preventivo per l’anno 2016 ci rimettiamo all’apposita relazione del collegio provinciale dei Sindaci Revisori e dei documenti di bilancio che sono come sempre a disposizione dei nostri iscritti. Il Consiglio provinciale uscente avendo riscontrato che spesso vi sono problemi di liquidità di cassa ha rinnovato lo scoperto bancario presso la Banca Popolare del Frusinate che svolge per l’U.I.C.I. il servizio di tesoreria. Quest’anno il dato in aumento che si può riscontrare è relativo alle iniziative di autofinanziamento che sono prioritariamente l’annuale lotteria, la vendita delle Uova di Pasqua e la campagna di donazione del 5 x 1000 dell’Irpef dalla denuncia dei redditi. A tal proposito ricordiamo il nostro Codice Fiscale che è 80005670601. Chiediamo a tutti di promuovere questo metodo di donazione che è efficace e non comporta spese aggiuntive per il contribuente. Per quanto concerne le donazioni da privati queste sono da ritenersi stabili mentre la flessione più importante si è verificata dai contributi degli enti pubblici, in particolare quelli del territorio. Ora è nostro desiderio chiudere questa relazione abbracciando idealmente tutti voi soci, gli amici dell’associazione, i volontari e non ultimi i collaboratori. Infatti grazie all’apporto di tutti abbiamo potuto scrivere ancora una volta tante pagine di iniziative e progetti, nonché servizi realizzati a favore della nostra categoria.

Per il Consiglio Provinciale
Il Presidente Claudio Cola

Torna all'Elenco delle Notizie
Ritorna all'Home Page
Torna su

UICI - Frosinone 
via M.T. Cicerone n°120  tel. 0775 270 781  fax 0775 270 536
Sito web realizzato con la collaborazione dell'Associazione Guidiamoci