Benvenuti nel sito dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Sez. Prov.le di Frosinone – "ONLUS"
 home
    cerca
    mappa
 
Oggi:
L'associazione
Organigramma
Dove siamo
La nostra Storia
Comitati
Scopi e finalità
Servizi
Accompagnamento
Consulenza Scolastica
Libri
Legislazione
Assistenza pensionistica e fiscale
Anziani
Lavoro
Enti Collegati
U.Ni.Vo.C.
I.Ri.Fo.R.
A.S.D.
Stamperia Braille
Prevenzione Cecità
Siti Consigliati
Tiflologia
Ausili
Comunicati
Avvisi
Iscriviti alla Mailing List
Servizio Civile
Progetti
I nostro Volontari
Immagini
Mostra Tiflotecnica
Momenti belli
Versioni Precedenti
UIC vers. 1.0
UIC vers. 2.0
UIC vers. 3.0
Sito web della Regione Lazio
Seguici su Facebook
Area Riservata
Entra
DIAGNOSI PATOLOGIE VISIVE, ARRIVA MACCHINARIO ALL’AVANGUARDIA NELL’OSPEDALE “SPAZIANI”. TRATTO DA “IL MESSAGGERO” CRONACA FROSINONE DEL 12 GENNAIO 2017
La Asl di Frosinone all’avanguardia nella diagnosi delle patologie visive. L’ospedale “Spaziani” del capoluogo sarà la prima struttura pubblica Lazio a dotarsi di un macchinario di ultima generazione in grado di individuare qualsiasi malattia della retina. L’apparecchiatura si chiama Tomografia a Coerenza Ottica e il suo arrivo è stato presentato ieri mattina nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte Eliseo Ferrante e Claudio Cola, presidente provinciale il primo e regionale il secondo dell’Unione Italiana Ciechi; il commissario straordinario della Asl di Frosinone Luigi Macchitella e il primario del reparto di oculistica dell’ospedale del capoluogo, Luigi Baglioni. L’arrivo del macchinario, ha sottolineato Macchitella, è stato possibile grazie all’indispensabile intervento dell’Unione Italiana Ciechi. L’Associazione, ha rimarcato il Presidente della sezione di Frosinone Eliseo Ferrante, è molto impegnata sul fronte della prevenzione: "Il nostro obiettivo è avere meno associati possibili". In questo senso la tempistica nelle diagnosi riveste un ruolo fondamentale. E il nuovo macchinario consentirà di avere diagnosi più certe e immediate. Il perché lo ha spiegato il primario di oculistica, il dottor Luigi Baglioni. “ Il nuovo macchinario – ha detto Baglioni – consente le analisi di tutte le patologie visive, anche quelle chirurgiche, senza dover ricorrere, come per i macchinari che abbiamo attualmente in dotazione, all’iniezione con mezzi di contrasto”. Esami, quindi, per nulla invasivi, di gran lunga più precisi e attenti, che consentiranno di ridurre in maniera drastica sia i costi che i tempi di attesa, in quanto non saranno necessari, come accadeva con i vecchi macchinari, esami preliminari come l’elettrocardiogramma o l’analisi del sangue. L’investimento, ha evidenziato Baglioni, è stato notevole, ma col tempo produrrà benefici altrettanto importanti sia dal punto di vista sanitario, con la possibilità di screening di massa per la prevenzione della cecità, che da quello finanziario. L’ospedale di Frosinone – ha rimarcato il primario – è la prima struttura pubblica nel Lazio a dotarsi di un macchinario di questo tipo. Oggi è possibile trovarlo soltanto in cliniche private, molte delle quali accreditate. Ogni esame costa in media tra i 200 e i 250 euro. L’arrivo del macchinario non solo inciderà in maniera significativa sulla mobilità passiva, ma anzi attrarrà verso le strutture sanitarie ciociare numerosi pazienti provenienti dall’Abruzzo, che già ricorrono all’ospedale di Sora, e dalla provincia di Caserta. Con il vecchio macchinario – ha spiegato Baglioni – abbiamo eseguito in media 1000-1200 visite all’anno. Se poi si tiene presente che Frosinone e Sora, quest’ultima all’avanguardia nella cura della cataratta, eroghiamo complessivamente circa 3.000 interventi all’anno, prevediamo che almeno la metà possano ricorrere alle analisi del nuovo macchinario.
Foto: https://www.facebook.com/notes/unione-ciechi-frosinone/diagnosi-patologie-visive-arriva-macchinario-allavanguardia-nellospedale-spazian/10154412516397832

Torna all'Elenco delle Notizie
Ritorna all'Home Page
Torna su

UICI - Frosinone 
via M.T. Cicerone n°120  tel. 0775 270 781  fax 0775 270 536
Sito web realizzato con la collaborazione dell'Associazione Guidiamoci