Benvenuti nel sito dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Sez. Prov.le di Frosinone – "ONLUS"
 home
    cerca
    mappa
 
Oggi:
L'associazione
Organigramma
Dove siamo
La nostra Storia
Comitati
Scopi e finalità
Servizi
Accompagnamento
Consulenza Scolastica
Libri
Legislazione
Assistenza pensionistica e fiscale
Anziani
Lavoro
Enti Collegati
U.Ni.Vo.C.
I.Ri.Fo.R.
A.S.D.
Stamperia Braille
Prevenzione Cecità
Siti Consigliati
Tiflologia
Ausili
Comunicati
Avvisi
Iscriviti alla Mailing List
Servizio Civile
Progetti
I nostro Volontari
Immagini
Mostra Tiflotecnica
Momenti belli
Versioni Precedenti
UIC vers. 1.0
UIC vers. 2.0
UIC vers. 3.0
Sito web della Regione Lazio
Seguici su Facebook
Area Riservata
Entra
INVALIDITÀ E MALATTIA
La legge di Boeri - Un bonus annuale ai medici che riducono le prestazioni per i periodi di malattia negate e invalidità revocate.

Il Presidente Regionale del Lazio della Federazione delle Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità (FAND - AMNIC, AMNIL, ENS, UICI, UNMS) Claudio Cola, in merito alle notizie della stampa riportate di seguito, dichiara che la nota dell'INPS relativa al "piano delle performance" dell'ente che invita i medici a ridurre le prestazioni per i periodi di malattia negate e invalidità revocate tra i criteri di valutazione utili alla retribuzione di risultato dei medici, sia un atto offensivo nei confronti del lavoro dei medici ma soprattutto della dignità dei disabili. Infatti nonostante i casi di "falsi invalidi" siano una problematica reale e da contrastare, non ci sembra questo il modo appropriato di combattere tale difficoltà.
----------------------

A denunciare implicazioni deontologiche e sul piano dei diritti della decisione, che risale a marzo e avrà effetto già a partire da quest’anno, è stato Vittorio Angnoletto con un post sul fattoquotidiano.it https://www.ilfattoquotidiano.it/…/inps-piu-presta…/4677918/. Agli articoli è seguita una vera e propria sollevazione generale, a partire dall’Ordine dei Medici il cui presidente, Filippo Anelli, ha parlato chiaramente di una “aberrazione per la professione”, evocando anche la disobbedienza perché “non siamo i medici dello Stato, ma dei cittadini”. Il ministro della Salute Giulia Grillo era stato sollecitato a una reazione che alla fine è arrivata ed è stata netta, con la dichiarazione "revocare prestazioni per raggiungere obiettivi economici viola il codice deontologico dei medici". Anche perché nel frattempo una vera sollevazione è partita dal mondo delle disabilità.
La Federazione delle Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità (FAND) ha manifestato “Sdegno e stupore per il premio ai medici INPS che negheranno malattia ed invalidità” auspicandone il ritiro immediato. Lo stesso l’Associazione degli Invalidi Civili (ANMIC), che parla di “scandalo”, perché “l’Inps vuole premiare con incentivi economici i medici che più taglieranno le prestazioni di invalidità civile”. Intanto, l’ente ha tentato una replica al Fatto.it ma senza smentire alcunché.

Torna all'Elenco delle Notizie
Ritorna all'Home Page
Torna su

UICI - Frosinone 
via M.T. Cicerone n°120  tel. 0775 270 781  fax 0775 270 536
Sito web realizzato con la collaborazione dell'Associazione Guidiamoci