Benvenuti nel sito dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Sez. Prov.le di Frosinone – "ONLUS"
 home
    cerca
    mappa
 
Oggi:
L'associazione
Organigramma
Dove siamo
La nostra Storia
Comitati
Scopi e finalità
Servizi
Accompagnamento
Consulenza Scolastica
Libri
Legislazione
Assistenza pensionistica e fiscale
Anziani
Lavoro
Enti Collegati
U.Ni.Vo.C.
I.Ri.Fo.R.
A.S.D.
Stamperia Braille
Prevenzione Cecità
Siti Consigliati
Tiflologia
Ausili
Comunicati
Avvisi
Iscriviti alla Mailing List
Servizio Civile
Progetti
I nostro Volontari
Immagini
Mostra Tiflotecnica
Momenti belli
Versioni Precedenti
UIC vers. 1.0
UIC vers. 2.0
UIC vers. 3.0
Sito web della Regione Lazio
Seguici su Facebook
Area Riservata
Entra
LAZIO. I.P.A.B., LENA: VIA LIBERA A RIORDINO DA COMMISSIONE, PAROLA AD AULA
(DIRE) Roma, 21 Gen. - Via libera questa mattina, dalla commissione Affari costituzionali e statutari del Consiglio Regionale del Lazio, alla legge di riordino delle I.P.A.B.. Il testo unificato, che deriva da due precedenti proposte di legge, prevede il riassetto di questi istituti attraverso la trasformazione in A.S.P., ai fini della realizzazione di servizi e interventi del sistema integrato sociale. Prevista anche l'istituzione di un fondo di 200mila euro per il 2019 e 220mila per 2020 e 2021. Inoltre, per sostenere le attività delle A.S.P. rivolte all'inclusione sociale di ciechi e ipovedenti, è istituito un altro fondo, pari a 50mila euro, per ciascuna annualità dello stesso triennio. "Nell'ambito di questa riorganizzazione, abbiamo posto tutele per tutti i lavoratori.

Ora la parola passa all'Aula dove saranno comunque possibili ulteriori emendamenti utili a migliorare questa proposta che già dà garanzie anche ai Comuni e a chi ha fondato le I.P.A.B.". Così in un comunicato Rodolfo Lena, Presidente della Commissione Affari costituzionali e statutari.

(Comunicati/Dire)

Torna all'Elenco delle Notizie
Ritorna all'Home Page
Torna su

UICI - Frosinone 
via M.T. Cicerone n°120  tel. 0775 270 781  fax 0775 270 536
Sito web realizzato con la collaborazione dell'Associazione Guidiamoci